Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Zone rosse in Lombardia: boom di contagi a Viggiù, Mede, Castrezzato e Bollate, ecco perché Fontana ha…

Da giorni in Lombardia cresceva la preoccupazione per la variante inglese, sempre più diffusa sul territorio. Che ora torna a tingersi di rosso in quattro Comuni di quattro province. Dalle 18 di oggi e fino al 24 febbraio passano nella zona con più restrizioni i Comuni di Bollate, in provincia di Milano, Castrezzato (Brescia), Mede (Pavia) e Viggiù (Varese). Quattro micro lockdown di una settimana, decisi con un’ordinanza firmata dal presidente Attilio Fontana dopo aver sentito il ministro della Salute Roberto Speranza.

In accordo col Dpcm vigente, il presidente della Regione è infatti autorizzato a istituire le zone rosse. Ieri gli esperti in Regione hanno confrontato le relazioni relative ai focolai nelle quattro Ats a cui fanno riferimento i Comuni e in base a questi dati Palazzo Lombardia ha deciso di far scattare la zona rossa. «Con l’ordinanza — fa sapere la Regione — si dispone che le attività scolastiche e didattiche di tutte le classi delle scuole primarie e secondarie in questi Comuni si svolgano esclusivamente con modalità a distanza. Tale sospensione riguarda anche asili nidi e scuole materne». Proprio nelle classi, infatti, sono stati individuati focolai di variante inglese negli ultimi giorni: non a caso le scuole, in alcuni di questi Comuni, erano state preventivamente chiuse da settimane.

Come a Castrezzato. Dopo il caso del vicino Corzano, dove la variante inglese aveva infettato il 10 per cento della popolazione, il focolaio si era spostato su quest’altro Comune bresciano. Il sindaco Giovanni Aldi a fine gennaio aveva deciso la chiusura di tutte le scuole, dal nido alle medie: il provvedimento sarebbe scaduto pochi giorni fa. Di qui, la decisione di prorogare la chiusura fino al 28 febbraio. Si sperava potesse essere sufficiente la chiusura delle classi a fermare il focolaio: «Chiudo le scuole altrimenti il contagio dai bambini arriverà agli anziani», aveva detto due settimane fa. Ma negli ultimi sette giorni il Comune, 7mila abitanti, ha registrato 137 nuovi casi positivi. E che nella zona sia presente la variante inglese è chiaro dalle indagini di laboratorio. Anche Mede (Pavia) aveva chiuso da una settimana l’asilo e deciso con l’Ats di chiudere tutte le scuole fino al 23 febbraio. Da oggi partiranno i tamponi su studenti e personale scolastico. «Una decisione assunta in base a numeri che non conosciamo — commenta il vicesindaco Guido Bertassi — a fronte di uno stato di cose che sinceramente non mi sembrava così grave».

Mentre il primo cittadino di Bollate (tra i cluster con più di 250 contagi ogni centomila abitanti) Francesco Vassallo legge la decisione della zona rossa come un «criterio di prudenza per arginare i contagi». Una decisione che «deriva soprattutto dalla presenza della variante inglese e dal timore che si diffonda», visti anche i tanti scambi col capoluogo: «Il Comune è grande, tanti i movimenti verso Milano il cui centro dista solo pochi chilometri».

17 febbraio 2021 | 07:31

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *