Viva Italia

Informazione libera e indipendente

World SBK 2021: Test a Barcellona, l’opinione e gli approfondimenti

Rea test Barcellona marzo 2021
Foto di kawasaki.it

World SBK 2021 : Test a Barcellona,

l’opinione e gli approfondimenti

 

Il 31 Marzo e il 1 Aprile 2021 come molti dei nostri lettori sapranno si sono riaccesi i motori del Mondiale Superbike con i test al circuito di Barcellona reso più veloce grazie ad una modifica alla curva 10. Questi test sono passati abbastanza inosservati a causa dell’avvio del primo week end di gare della Moto GP in Qatar ma, nonostante, la “sordina” hanno dato a mio parere un segnale di ottimismo non indifferente per quanto riguarda questo settore sempre più in crisi a causa delle restrizioni dovute al Covid-19 e hanno riportato speranza a tutto il Mondo del Motorsport nel rivedere e rivivere molti fine settimana di gare in questo 2021.

Le difficoltà sono sicuramente moltissime, non solo economiche, ma anche logistiche e organizzative. La mancanza di pubblico e anche di “addetti ai lavori” intristisce un pochino lo spettacolo ma vedere le moto in pista ha dato sollievo ad una situazione che sembrava non risolversi più!

Tutti i Team sono scesi infatti in pista, eccetto il Kawasaki Puccetti Racing e la RC Squadra Corse BMW (di cui sappiamo ben poco) e il Team Kawasaki di Lucio Pedercini che ha schierato un solo pilota (Samuele Cavalieri) poiché il Belga Loris Cresson è rimasto a casa. Per queste giornate di test in Spagna non si poteva chiedere di meglio al tempo poiché le condizioni erano ottimali sia per la temperatura che per il sole che ha sempre brillato sulla pista senza essere di fastidio.

I Team hanno approfittato anche per presentare le proprie squadre partendo dal Team Honda HRC con Haslam e Bautista, poi Yamaha con i piloti ufficiali Razgatlioglu e Locatelli e il Team GRT con Gerloff e Nozane e infine la Kawasaki ufficiale con Rea e Lowes.

Nella mattinata del 31 sono scattati i cronometri e il pilota ufficiale della Ducati Scott Redding grazie ad un giro velocissimo (1’41’’198) era in testa dimostrandosi molto agguerrito e in grande forma sia fisica che mentale oltre ad un feeling con la sua Panigale che da molto non si vedeva.

Gerloff con la sua Yamaha ha dimostrato ancora una volta di essere un pilota davvero di gran talento oltre al fatto di apprezzare moltissimo il circuito della Catalunya ed era a seguito di Redding e dietro di lui il 6 volte Campione del Mondo Jonatan Rea che, probabilmente, stava testando l’elettronica nuova della sua Ninja.

Dietro alla Kawasaki Campione del Mondo a chiudere la top ten: Razgatlioglu, Rinaldi, Haslam, Davies, Bautista, Sykes e Lowes.

A 20 minuti però dalla fine della prima giornata Rea decide di “stampare” un tempo di 1’40’’793 giusto per non mettere dubbi su questo suo ritorno in pista mentre Gerloff sempre più incredibile staccherà il 6 volte Campione del Mondo con poco più di un decimo e infine dietro alla Yamaha GRT Haslam con 1’40’’971.

Redding ad un quarto d’ora dalla fine decide anche lui di abbassare ulteriormente il suo tempo con 1’40’’962 e Haslam invece salirà alle spalle di Rea con 1’40’’900! Le ultime decine di minuti di questa giornata sono stati davvero entusiasmanti e ricchi di cambi che da tempo non si vedevano.

La bandiera a scacchi sancirà il quinto posto per Sykes, sesto Razgatlioglu, settimo Folger e ottavo Rinaldi con la Panigale ufficiale del Team Ducati Aruba.

Davies e Locatelli chiuderanno la top ten.

La seconda ed ultima giornata di test ha visto nuovamente Rea in testa e con 1’40’’264. Ma anche in questa giornata i colpi di scena e le battaglie non si sono risparmiate. Infatti sin dal mattino il pilota del Team GRT Yamaha Gerloff ha iniziato con un sorprendente 1’40’’790 che gli ha permesso di essere in testa nella classifica giornaliera ma anche cumulativa della due giorni. Ma la nuova BMW M1000 RR di Sykes è rimasta nell’ “ 1’40’’ ” e questo ha fatto davvero piacere poiché il pilota sembra aver riacquistato sicurezza e feeling. A seguire Rinaldi, Davies, Haslam e Jonas Folger.

Razgatlioglu è stato costretto a concludere anticipatamente i suoi test in quanto è risultato positivo al Covid-19 e Alvaro Bautista, dolorante allo sterno a causa di una caduta mentre si allenava con la moto da cross, ha deciso di non terminare.

A meno di un’ora dalla fine il 6 volte Campione del Mondo Rea inizia ad imprimere tempi migliori cominciando con 1’40’’519. A 40 minuti è Rinaldi invece a migliorarsi e a salire in terza posizione con 1’40’’877.

Gerloff a poco meno di mezz’ora rientra in pista e si ferma con 1’40’’689 mantenendosi in seconda posizione. Van Der Mark cade senza conseguenze per se stesso a 24 minuti dalla fine e verrà esposta bandiera rossa e Rinaldi si fermerà alla fine del rettilineo per problemi elettronici alla sua Ducati ma alla ripresa dei test (18 minuti) si potrà ripresentare in pista. Ed è a questo punto che i piloti iniziano a girare “forte” e dare vita ad una bellissima ultima giornata di test. Gerloff monterà una gomma morbida e farà un giro velocissimo con un  tempo di 1’40’’497 portandosi al comando davanti a Rea. Ma a cinque minuti dalla fine Folgerr risale in terza posizione con 1’40’’699 scavalcando Rinaldi e poi sarà Jonatan Rea con 1’40’’264 a sorprendere tutti e ad essere definitivamente il pilota in testa in modo assoluto.

Redding e Gerloff alle spalle di Rea continueranno per alcuni minuti a battersi terminando rispettivamente con 179 e 233 millesimi di distacco dalla Kawasaki del 6 volte Campione del Mondo. Folger quarto e primo delle BMW, quinto Rinaldi e sesto Sykes. A chiudere la top ten Lowes, Locatelli, Davies ed Haslam.

Un bellissimo inizio per il Mondiale Superbike che vede schierati squadre preparatissime e piloti agguerriti e in forma. Tutti in perfetto feeling con le loro moto e questo rende ancora più entusiasmante l’attesa della prima gara ad Aragon il 21 Maggio 2021. Credo ne vedremo delle belle!!!

( Calendario 2021 )

Fonte: motorinews24.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *