Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Willy Monteiro, l’autopsia: «Lesioni in più organi e non solo al torace e all’addome»


Willy Monteiro, l'autopsia: «Lesioni in più organi e non solo al torace e all'addome»

Willy Monteiro, dall’autopsia le prime evidenze sul pestaggio violento subito dal 21enne a Colleferro (Roma): «Lesioni in più organi e non solo al torace e all’addome». Una condizione di politraumi distribuiti tra torace, addome e collo che hanno causato un «grave shock traumatico» che ha indotto l’arresto cardiaco. Sono i risultati preliminari dell’autopsia svolta sul corpo di Willy Monteiro Duarte presso l’Istituto di medicina legale di Tor Vergata.
 

Pestaggio violento

Quattro ore, tanto è durata l’autopsia sul corpo di Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso la notte tra sabato e domenica scorsi a Colleferro. Un pestaggio violento che ha lasciato sul corpo del ragazzo un quadro chiaro, come lo definisce il professor Saverio Potenza che ha effettuato l’esame al policlinico Tor Vergata di Roma oggi pomeriggio alla presenza dei consulenti di parte.
Willy Monteiro, il fratello dei Bianchi: «Sono venuti al mio bar dicendo a un altro: “Prenditi tue responsabilità”»

Willy Monteiro, così è stato ucciso: «Saltavano sul corpo già steso a terra, violenza dei colpi inaudita»


 

Politraumatismo importante

Ciò che è emerso è un politraumatismo importante con più lesioni in più organi in diversi distretti del corpo e non solo nella zona del torace e dell’addome. Le lesioni sono dovute a colpi portati e a cadute e dovrà stabilirsi ora quali agli uni e quali all’altra. Per definire ulteriormente quale colpo è risultato fatale al 21enne occorreranno altri approfondimenti

«Al momento abbiamo acquisito tutti i dati necessari per poter liberare anche il corpo e restituirlo ai genitori – spiega il professor Potenza – Abbiamo fatto tutti i rilievi necessari imprescindibili, ora vanno messi insieme tutti gli elementi acquisiti e fare un ragionamento medico-legale anche col supporto dei vari esami di lavoratorio che devo ancora avviare. Sarà necessario fare un quadro generale e dal particolare ricostruire la dinamica dell’evento».

Ci vorranno ora 60 giorni per depositare la consulenza, l’autorizzazione a effettuare gli esami di laboratorio che verranno fatti nelle prossime settimane, istologico e tossicologico che verrà disposto, quest’ultimo in un secondo tempo se il magistrato lo riterrà necessario.

  Ultimo aggiornamento: 22:08

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *