Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Vulcano Eolie, è «allerta gialla» dopo 130 anni dall’ultima eruzione sull’isola

La Protezione Civile alza il livello di attenzione: rilevate variazioni significative di diversi parametri del monitoraggio vulcanico. Attesa l’ordinanza del sindaco per vietare la scalata sulla cima del cratere

La Protezione Civile ha emesso un livello di«allerta gialla» per l’isola di Vulcano, nell’arcipelago delle Eolie: sono, infatti, state rilevate nelle ultime settimane variazioni significative di diversi parametri del monitoraggio vulcanico. «Nel cratere di Vulcano i valori sono fuori norma solamente nella parte sommitale», ha riferito il sindaco di Lipari Marco Giorgianni in una diretta su Facebook, dopo aver partecipato alla riunione con i vulcanologi dell’Ingv e della Protezione civile.

L’ultima eruzione risale a oltre 130 anni fa e durò ben 2 anni, dal 2 agosto 1888 al 22 marzo 1890. Da allora si trova in uno stato di quiete eruttiva, ma questo «sonno» è a volte disturbato da crisi di attività sismica e aumenti nelle emissioni e temperature fumaroliche, la più recente avvenuta nel 1985.

Tra i primi interventi vi sarà una ordinanza sindacale per vietare la scalata sulla cima del cratere che si raggiunge a una altezza di circa 500 metri, dopo un percorso a piedi di una quarantina di minuti. L’isola di Vulcano già ordinariamente presenta una situazione diffusa di rischio per la popolazione connessa soprattutto alle fumarole ricche in gas e con temperature elevate, ma in questa fase occorre ricordare che possono intensificarsi ed estendersi su aree più ampie e quindi il pericolo risulta maggiore.

2 ottobre 2021 (modifica il 2 ottobre 2021 | 17:03)

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *