Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Volkswagen Taigo, inizia la produzione: allestimenti, motori, uscita

Il Crossover-Coupé di dimensioni compatte e di media gamma che sancisce l’ingresso di Wolfsburg in questa particolare nicchia di mercato (finora, nel Vecchio Continente, appannaggio dell’altrettanto recente Renault Arkana) è ufficialmente in produzione, e si prepara al debutto in Europa. È Volkswagen Taigo, “cugina” di VW Nivus – creata all’inizio del 2020 per i mercati dell’America latina e di cui è stato successivamente annunciato lo “sbarco” al di qua dell’Oceano -, assemblata nelle linee di montaggio di Pamplona-Landaben dove già vengono prodotte le “segmento B” Volkswagen Polo e T-Cross. Il primo esemplare di Taigo di serie deliberato a Pamplona è destinato alla Germania, appartiene all’allestimento R Line (quello più sportivo: in alternativa c’è la configurazione Life), presenta una finizione carrozzeria in rosso ed è equipaggiato con l’unità 1.5 TSI Evo benzina da 150 CV con cambio DSG doppia frizione a sette rapporti.

Le dotazioni

L’avvio in produzione di Taigo è dunque corrispondente al suo prossimo arrivo, fissato per il primo trimestre del 2022. La gamma si articola, al momento del lancio commerciale, sulle declinazioni Life ed R-Line. I prezzi partono da, rispettivamente, 22.600 euro (Life) e 27.350 euro (R-Line), e da 25.250 e 28.850 euro per le stesse versioni con cambio DSG. Ecco i principali equipaggiamenti.

Life

  • Cerchi in lega da 16”;
  • Specchi retrovisori esterni riscaldabili e ripiegabili a comando elettrico;
  • Gruppi ottici anteriori Full Led;
  • Climatizzatore manuale;
  • Volante multifunzione rivestito in pelle;
  • Strumentazione digitale con cluster da 8”;
  • Infotainment con display da 6.5”, impianto audio digitale DAB+, connettività con Apple CarPlay ed Android Auto wireless;
  • Sistemi di ausilio attivo alla guida con IQ.Drive (che comprende Cruise Control adattivo e predittivo, Travel Assist e mantenimento della corsia di marcia).

R Line

All’assortimento di dotazioni Life aggiunge, fra gli altri:

  • Cerchi in lega da 17”;
  • Finestratura posteriore oscurata;
  • Modanature ed accessori R Line esterni ed interni;
  • Tetto panoramico a comando elettrico di apertura e chiusura;
  • Fari fendinebbia con funzione “cornering”;
  • Sedili di forma sportiva rivestiti in ArtVelours;
  • Strumentazione digitale con display da 10.25”;
  • Infotainment Ready2Discover con schermo da 8”;
  • Sensori di parcheggio anteriori e posteriori.

Corpo vettura

L’impostazione di Volkswagen Taigo, terzo modello di Wolfsburg sviluppato sulla piattaforma modulare MQB A0 (Modularer Quarbaukasten nella variante destinata ad equipaggiare i modelli di fascia medio-bassa per ingombri esterni), dopo VW T-Cross e Polo, costituisce di fatto una interessante “derivazione” Crossover di segmento B rispetto alle fortunate pari fascia. Per le sue caratteristiche, può a buon diritto essere considerata come un modello-bridge e complementare fra il carattere “urbano” di Volkswagen Polo (di recente aggiornamento nella sesta generazione) e gli atout di versatilità offerti da T-Cross (che nella scorsa primavera è stata arricchita con l’arrivo della versione Sport), SUV di fascia “urban compact” che a due anni dall’esordio commerciale ha ottenuto un positivo gradimento di pubblico.

Ingombri esterni e capienza del bagagliaio

Di seguito le misure del corpo vettura.

  • Lunghezza: 4,26 m;
  • Larghezza: 1,75 m (specchi retrovisori esclusi);
  • Altezza: 1,49 m;
  • Passo: 2.566 mm;
  • Capacità utile di carico: 438 litri nel normale assetto di marcia.

Nonostante il ricorso alle linee “di coda” spioventi (tipicamente coupé, dunque), la capienza del vano bagagli di VW Taigo è – anche in virtù di un generoso sbalzo posteriore – adatta alle esigenze di carico familiari e per il tempo libero: caratteristica che si abbina alla notevole altezza libera da terra, che è pressoché uguale a quella di VW T-Cross.

Abitacolo: finiture, digitalizzazione, infotainment

All’interno, l’impostazione di Volkswagen Taigo è, dal punto di vista stilistico, all’insegna di una certa sobrietà, non disgiunta dalla ben conosciuta cura nella scelta dei materiali. Un “quadro” di grandi dimensioni racchiude il gruppo strumentazione digitale (con grafiche personalizzabili) di serie, il display di visualizzazione e controllo delle funzionalità multimediali – schermo da 6.5” per il sistema Mib2 Composition Media, o Ready2Discover da 8” per l’allestimento R Line – i comandi touch dell’impianto di climatizzazione collocati al di sotto delle bocchette centrali di aerazione, le prese Usb-C ed il sistema di ricarica wireless per i device portatili. A seconda dell’allestimento, si può scegliere un display infotainment da 9.2” e da 10.25”, con “suite” di servizi online We Connect e We Connect Plus, il tetto panoramico scorrevole e sollevabile, un selettore dei profili di guida ed il differenziale a bloccaggio elettronico XDS.

ADAS

Relativamente al “capitolo” di sistemi di ausilio attivo alla guida, VW Taigo dispone fra gli altri di Cruise Control predittivo con riconoscimento della segnaletica stradale, analisi dei dati di navigazione e del GPS e funzione Stop&Go nelle versioni con cambio DSG, sistema di frenata autonoma d’emergenza con funzione City e riconoscimento di ciclisti e pedoni, dispositivo di mantenimento del veicolo nella corsia di marcia. L’equipaggiamento a richiesta offre i sistemi IQ.Drive che su basano sul modulo Travel Assist per la guida semi-automatizzata (Livello 2) grazie all’intervento attivo su sterzo, accelerazione e frenata fra 30 km/h e 210 km/h. Sono disponibili i gruppi ottici

Motorizzazioni

Sotto al cofano, Volkswagen Taigo viene equipaggiata con due unità motrici, entrambe a benzina ed a loro volta articolate su tre livelli di potenza:

  • 1.0 TSI (999 cc) a tre cilindri da 95 CV e 110 CV di potenza massima e 200 Nm di coppia massima, con cambio manuale (95 CV) e automatico DSG doppia frizione sette rapporti (110 CV);
  • 1.5 TSI (1.498 cc) a quattro cilindri da 150 CV e 250 Nm di coppia massima, abbinato alla trasmissione DSG sette rapporti.

Fonte: autoblog.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *