Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Virus sinciziale, allarme per i neonati: come difendersi e riconoscere i sintomi

Roma, 9 novembre 2021 – Covid, influenza e virus sinciziali. Sono tante le preoccupazioni ricorrenti dei genitori nei riguardi dei figli piccoli. Proprio in questi mesi di pandemia stiamo riscoprendo l’insidia del virus respiratorio sinciziale (VRS), principale causa di ospedalizzazione nell’infanzia per malattie delle vie aeree. Di ieri la notizia che un’inchiesta è stata aperta sulla morte di un bimbo di 5 mesi, stroncato dal virus a Castellamare di Stabia. Chiunque, nei primi anni di vita, può contrarre questo patogeno, classificato come pneumovirus. Esordisce come un raffreddore, sfocia in bronchiolite e può aggravarsi fino alla polmonite. Quasi tutti noi entriamo in contatto con i virus sinciziali almeno una volta nella vita, senza gravi conseguenze, solo una minima percentuale sviluppa le temibili complicanze.

Sommario

Particolarmente vulnerabili sono i neonati. I contagi si intensificano tra novembre e aprile. Si stima che nell’arco dei 12 mesi, nella fascia di età sotto i 5 anni, si registrano nel mondo grosso modo 33 milioni di episodi di infezioni delle basse vie respiratorie da VRS, tre milioni di ospedalizzazioni e quasi 120 mila decessi in età pediatrica.

news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *