Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Variante Delta, zona gialla per 5 regioni? Dal Veneto alla Campania ecco chi rischia

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) è stata chiara e impietosa: «Pagheremo cari i festeggiamenti degli europei di calcio nelle strade e nelle piazze». Quelli senza distanziamento e mascherine, con gli italiani travolti dalla voglia di fare festa per la vittoria degli Azzurri agli Europei di calcio e spinti dal desiderio (soprattutto i giovani) di prendersi margini di libertà dopo oltre un anno e mezzo di restrizioni.

Variante Delta in Italia sale al 32,6%, vicino il sorpasso alla Alfa (che è in calo): presto sarà dominante

Variante Delta, rischio sopravvento

Di certo, la variante Delta sta prendendo il sopravvento e l’indice di positività è risalito sopra quota 1. In più, a causa del suo alto indice di contagiosità, entro fine mese secondo l’igienista Fabrizio Pregliasco «triplicherà il numero dei positivi». Ed entro agosto, a sentire Sergio Abrignani, componente del Comitato tecnico scientifico (Cts), farà segnare circa «trentamila contagiati al giorno». Esattamente ciò che accade ora nel Regno Unito.

Variante Delta, i casi Sicilia, Abruzzo e Marche

L’impennata dei contagi rischia di riportare in “giallo” e dunque di far tornare l’obbligo della mascherina all’aperto, ben cinque Regioni. Quelle con l’indice di incidenza del contagio più alto in rapporto a 100 mila abitanti: Sicilia (22,7), Campania (20,2), Abruzzo (16,6), Veneto (15,6), Marche (15,2). Tutte le altre Regioni, al momento, stanno sotto quota quindici. Da notare che il passaggio da “bianco” a “giallo” scatta quando l’indice d’incidenza supera quota 50 contagi settimanali ogni 100 mila abitanti.

Covid, Abrignani (Cts): 30mila casi al giorno entro fine agosto con la variante Delta

Così le Regioni, visto che la diffusione dei vaccini limita il numero dei ricoveri in terapia intensiva e negli ospedali, cercano in queste ore di modificare i parametri per il passaggio di fascia. E stanno dando battaglia affinché si tenga conto del numero dei ricoveri, piuttosto che del numero dei nuovi positivi destinato a lievitare in maniera esponenziale a causa della variante Delta.

Francia, green pass obbligatorio per bar e ristoranti: il video con ciò che c’è da sapere

Il governo, che con ogni probabilità prorogherà lo stato di emergenza in scadenza a fine mese, sta studiando contromisure. Tecnici e scienziati spingono affinché Mario Draghi segua il “modello Macron”: il presidente francese ieri ha annunciato che Oltralpe non si entra più in bar e ristoranti senza green pass. Ebbene, è probabile che il premier italiano ascolti gli esperti, allargando l’obbligo del “pass” anche per treni, cinema, teatri, oltre che nei locali pubblici, se la situazione dovesse ulteriormente peggiorare. E’ anche allo studio il ritorno dell’obbligo della mascherina all’aperto pure nelle Regioni bianche e la concessione del green pass solo con due dosi di vaccino (il tampone potrebbe non bastare più). Questo anche per convincere gli indecisi a sottoporsi alla campagna di immunizzazione.

Francia, dal 15 settembre niente stipendio ai sanitari no vax: chi non si vaccina non potrà più lavorare

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *