Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Valeria muore a 27 anni per una meningite non diagnosticata: Le dicevano che esagerava

11 Gennaio 2023

Secondo i genitori la ragazza è stata visitata in quattro differenti strutture sanitarie di Roma e soltanto quando ormai era troppo tardi i medici hanno individuato il batterio che poi ha causato il decesso.

5.110 CONDIVISIONI

Valeria Fioravanti è morta a 27 anni a causa di una meningite batterica. Secondo i genitori la ragazza è stata visitata in quattro differenti strutture sanitarie di Roma e soltanto quando ormai era troppo tardi i medici hanno individuato il batterio che poi ha causato il decesso. Tutto comincia il giorno di Natale, quando Valeria viene operata al Campus Biomedico di Roma per un ascesso. Dopo due giorni dalla dimissione, la 27enne si reca al pronto soccorso del Policlinico Casilino per un forte mal di testa e dolori alla schiena e al collo, come riporta Clemente Pistilli sull’edizione odierna de La Repubblica. Valeria viene mandata a casa con la diagnosi di cefalea, un forte mal di testa, e i medici le prescrivono degli antinfiammatori.

Il calvario di Valeria, morta a 27 anni per una meningite non diagnosticata

I dolori peggiorano e la giovane decide di andare di nuovo al pronto soccorso del Casilino, ma viene ancora una volta rimandata a casa. Ci riprova con il pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni e questa volta i medici la fanno tornare a casa con una diagnosi di protrusione alla colonna, nuovi antinfiammatori da prendere e collare da portare per qualche settimana. Il 5 gennaio la ragazza torna ancora una volta al pronto soccorso e soltanto in questa occasione i medici intuiscono che potrebbe trattarsi di una meningite batterica. Ormai, però, è troppo tardi e Valeria muore. I genitori hanno presentato una denuncia alla procura di Roma, con i pm che adesso dovranno cercare di verificare e accertare la versione dei familiari, che sostengono: “Dal Casilino è stata praticamente cacciata, le hanno detto che esagerava e hanno minacciato l’intervento delle forze dell’ordine”. Anche questa ricostruzione dovrà essere verificata dalle forze dell’ordine.

5.110 CONDIVISIONI

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *