Viva Italia

Informazione libera e indipendente

“Un romantico a Milano”: Gaia Manzini racconta Luciano Bianciardi

“Un bohémien e un disadattato che ha saputo commuovere generazioni di lettori”. La definizione postuma incollata sull’immagine di Luciano Bianciardi recita più o meno così ed è una definizione sbrigativa e insidiosa insieme perché – se cristalizza la cifra inconfondibile di una delle grandi voci irregolari del nostro Novecento – al contempo la imprigiona nella cornice dell’icona, condannandola a una singolare vocazione all’esemplarità.

Bianciardi e Milano

approfondimento

Garibaldi, lo straniero in patria raccontato da Luciano Bianciardi

“Anch’io amo poco quell’immagine”, dice la scrittrice Gaia Manzini durante ‘Incipit’, la rubrica di Sky TG24, ricordando come “in realtà dai suoi libri emerga un animo innanzitutto romantico. Ed è quello l’aspetto che mi ha sempre attirato e piacuto moltissimo: una malinconia di fondo e, soprattutto, una ricerca di purezza che si declina anche nella sua straordinaria abnegazione al lavoro”.

Al grande scrittore grossetano Manzini ha da poco dedicato un libro. Si intitola “A Milano con Luciano Bianciardi”, è pubblicato dall’editore Perrone (pp. 136, euro 15) e ha il merito di restituirne la grandezza e la complessità proprio attraverso il rapporto (controverso e irrisolto) con la città. 

Fonte: tg24.sky.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *