Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Un 2020 di sport: i dodici campioni che ci hanno fatto emozionare nell’anno più triste

30 dicembre 2020 – 23:02

Lo sport ha resistito alle numerose interruzioni e all’assenza di pubblico riuscendo a sfornare comunque storie straordinarie di agonismo in ogni disciplina: dai confronti nel calcio alle imprese nell’automobilismo, sci, atletica e ciclismo. E l’Italia torna a vedere l’azzurro ai massimi livelli

di Carlos Passerini, Alessandro Bocci, Domenico Calcagno, Marco Bonarrigo, Gaia Piccardi, Guido De Carolis, Daniele Sparisci, Flavio Vanetti e Paolo Tomaselli

(Carlos Passerini) Così diversi, così unici, eppure così simili. Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku: sono loro i simboli del calcio che resiste. Anzi: che rinasce. Perché il 2020 di Milan e Inter somiglia tanto a un anno zero, all’alba di una nuova era. Dopo tanto, troppo tempo, Milano si sta riprendendo il suo ruolo, la sua leadership. Un’assenza che si sentiva, che contrastava in maniera così netta e insistente di fronte alla rinascita orgogliosa di una città che corre come nessun’altra. Qualcosa invece ora sta cambiando, anzi è già cambiato. Lo dice la classifica: rossoneri primi, nerazzurri secondi. Non accadeva da 9 anni.
Grandi società, grandi squadre: ma soprattutto grandi attaccanti. Perché, si sa, senza quelli non si va lontano. Evidente il peso del 39enne Zlatan nella resurrezione rossonera: da quando è arrivato a gennaio, i piccoli diavoli di Pioli hanno fatto più punti di tutti, 79. Serviva una guida, un leader. Una figura chiave che, con caratteristiche diverse, l’Inter di Conte ha trovato in Lukaku, il gigante buono che parla sette lingue, oltre a quella del gol. Nel 2020 in campionato ne ha segnati 24. Zlatan 20. Una sfida nella sfida, la loro. Che non finisce qui.

Ibrahimovic, Lukaku e Milano che torna protagonista

Scheda 1 di 11

30 dicembre 2020 | 23:02

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: corriere.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *