Viva Italia

Informazione libera e indipendente

“Ucraini come i partigiani? Allora pure i talebani…”. L’ultimo delirio di Orsini

Solito monologo di un quarto d’ora scarso, esattamente 12 minuti, per Alessandro Orsini a Cartabianca, dove ormai gli viene garantito il suo spazio in solitaria e senza contraddittorio, con la sola presenza di Bianca Berlinguer a tentare di porre un freno alle sue dichiarazioni, anche se in maniera molto blanda. Come al solito, il professore non ha mancato di attaccare Mario Draghi e i suoi ministri, ma ha messo nel suo mirino, non certo inaspettatamente, anche Boris Johnson e Joe Biden, chiamandoli pazzi.

Si è proclamato scettico anche sulle parole di Sergio Mattarella, criticandolo per le sue parole sulla Resistenza: “Se paragoniamo la resistenza ucraina a quella dei partigiani in Italia, servono motivazioni molto forti affinché io non debba paragonare ai partigiani quello che hanno fatto i talebani contro gli Stati Uniti. Se il principio è che tutti coloro che resistono rispetto ad un invasore straniero sono come i partigiani italiani, allora anche i talebani che resistevano all’invasione americana sono come i partigiani“.

Io penso che Johnson sia uno di quei pazzi di cui ha parlato il Papa“, ha detto il professor Orsini che, come sua consuetudine, ci ha tenuto a ricordare che lui aveva già quasi anticipato le parole del Papa dicendo che il primo ministro inglese è un guerrafondaio tempo fa. “Io disprezzo profondamente Boris Johnson, lo considero un pericolo per l’Europa e per l’umanità. Penso che davvero la Russia dovesse colpire un Paese della Nato, penso che l’Italia dovrebbe immediatamente dichiarare la neutralità e se le circostanze internazionali costringessero a tanto, l’Italia dovrebbe avviare il processo di fuoriuscita dalla Nato“, ha dichiarato Alessandro Orsini, che ha parlato di “pazzi scriteriati“.

Il suo riferimento è anche agli americani e Joe Biden, che Orsini definisce “personaggi pericolosissimi che meritano tutto il nostro disprezzo“. Ma davanti alla ripetizione da parte del professore della Luiss della parola “disprezzo“, Bianca Berlinguer ha posto un’obiezione logica ad Alessandro Orsini in merito al contesto: “Lei non pensa che il personaggio più pericoloso di tutti sia il presidente russo, che sia lui il più grande ostacolo alla ricerca di una soluzione pacifica?“. Come al solito, dando un colpo al cerchio e uno alla botte e un contentino al pubblico italiano, Alessandro Orsini ha dichiarato: “Se vuole possiamo metterla in questi termini, così accontentiamo una parte del pubblico. Io disprezzo Putin e disprezzo profondamente anche Biden e anche Johnson, così per par condicio siamo tutti più sereni“. Per Alessandro Orsini “Stanno combattendo una guerra sulla pelle degli ucraini e rischiano di portarci ad una guerra mondiale”.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *