Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Tutto si può fare (grazie allo sport), la lezione in un film di Bebe Vio

Se prima era il cinema a farci sognare di poter fare qualsiasi cosa, adesso è lo sport attraverso le imprese dei suoi campioni a farci credere di poterlo fare. Dall’incontro di cinema e sport è scaturito Bebe Vio – New Belonging, il nuovo film della campagna «Play New!» di Nike, un invito ad accedere a un mondo migliore dove l’inclusione è la regola e non l’eccezione. Il docufilm mostra come sempre più il futuro dello sport sia nel segno dell’inclusività, che sarà aperto a tutti dopo aver abbattuto le barriere sia quelle fisiche esterne che quelle psicologiche interne.

La Bebe Vio Academy

Il film non poteva avere protagonista più credibile della campionessa paralimpica Bebe Vio in grado di far confluire arte sport e vita senza distinzioni e senza lasciare l’impressione che si tratti di fiction e che tutto sia vero e alla portata di chiunque «con o senza disabilità, perché lo sport ci fa credere di poter fare qualsiasi cosa» . La schermitrice nel film lancia il suo progetto di vedere gli atleti con e senza disabilità insieme sullo stesso palco e sullo stesso livello, senza alcuna distinzione di genere e di condizione dopo che in estate si è visto come le Paralimpiadi siano capaci di far emozionare alla pari delle Olimpiadi. Un primo passo importante per la realizzazione di questo progetto è la BVA l’Academy creata da Bebe con il supporto di Nike, la prima accademia italiana a favore dello sport inclusivo che coinvolge nella pratica dello sport ragazzi con e senza disabilità per abbattere le differenze.

Appuntamento a Milano

Momento di prova sarà la prima «Game Time Session» in programma il 26 ottobre a Milano, una situazione collegiale ed esperienziale in cui i ragazzi si cimenteranno con i vari sport seguiti da grandi campioni. Il messaggio del docufilm è fare della diversità una normalità attraverso lo sport integrato, «un modo per abbattere i pregiudizi e far capire come si possano ottenere certi risultati» pari a quelli di Bebe Vio. Non è un caso che Ursula Von der Leyen, presidente della Commissione Ue al Parlamento Europeo abbia detto come l’atleta incarni i valori dell’Unione Europea e sia fonte di ispirazione per la sua determinazione e tenacia per raggiungere gli obiettivi affermando citandola «che se sembra impossibile allora si può fare». Il film mostra come certi valori davvero le «appartengano» come indica il titolo e siano propri dell’atleta che li incarna , così allontanando la sensazione che sia troppo bello per essere vero, poiché in questo caso è proprio tutto vero.

21 ottobre 2021 (modifica il 21 ottobre 2021 | 19:01)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: corriere.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *