Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Tutti gli sport (amatoriali) vietati dall’ultimo dpcm del Governo

L’ultimo dpcm approvato dal Governo Conte ha ridotto drasticamente il numero di sport di squadra – o di contatto – che è possibile praticare a livello amatoriale. Oltre ai già noti calcetto e basket, sono state contate ben 130 discipline che l’esecutivo ha deciso di proibire come misura per contenere e contrastare il contagio di coronavirus che preoccupa ormai tutta Europa, Italia compresa. Ieri il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha imposto il coprifuoco a Parigi e in altre città. E a Palazzo Chigi c’è già chi teme di dover schiacciare quel drammatico bottone: lockdown.

Leggi anche: Covid, Macron blinda la Francia: da sabato coprifuoco a Parigi

[media_with_description id=”67399″

Gli sport da rinviare: calcio e…

Per quanto riguarda il calcetto – e il calcio in generale – la disciplina potrà essere praticata non soltanto dai professionisti, ma anche da altre categorie come i dilettanti o i settori giovanili delle squadre, sempre nel rispetto dei protocolli sanitari. La classica partitella con gli amici, invece, dovrà essere rimandata a data ancora da destinarsi. Nell’elenco approvato dal ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, tra gli sport vietati compaiono anche pallavolo, rugby, hockey, basket, pallamanopugilato, lotta libera e greco-romana, judo, karate, taekwondo, aikido, capoeira, kickboxing, ju-jitsu.

Leggi anche: Covid-19, allo stadio di Atlanta si usano i droni per disinfettare gli ambienti aperti al pubblico

Stop anche alle danze

Il nuovo dpcm ha spento la musica anche per i balli, dall’hip hop al tango. Chi volesse continuare a esercitarsi dovrà dunque farlo in forma individuale e, stando a quello che si legge sulla stampa, ancora non è chiaro se si potrà danzare insieme a un congiunto. Salvi, finora, gli sport individuali come il tennis e la corsa che garantiscono il distanziamento sociale tra gli atleti, amatoriali e non.

Leggi anche: Gli eSport sono i nuovi media. Perché l’Italia non può perdere questo treno

Fonte: sportup.startupitalia.eu

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *