Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Tutta l’arte dello sport

«Lo sport è una forma d’arte, si va a cercare la massima performance nel miglior modo, anche un’alzata può essere arte. È tecnica e insieme performance». Giorgia Bordignon è argento olimpico a Tokyo 2020 nel sollevamento pesi ed è la protagonista di Try #5, performance artistica di Marilisa Cosello.

Instagram content

This content can also be viewed on the site it originates from.

«Mi ha entusiasmata l’idea d portare il mio sport in un contesto differente. È bello mescolare i mondi perché porta sempre emozione», spiega dopo aver sollevato un bilanciere più leggero di quelli che solleva in gara, ma è comunque impressionante per chi la guarda e sente il rumore della caduta del peso.

Il suo quotidiano è l’allenamento. Altro è la performance in gara che emoziona sempre soprattutto quando si sente la risposta del pubblico quando qualcuno che non conosce il mondo del sollevamento pesi percepisce la passione che c’è dietro quel bilanciere. La performance artistica confina con questo. 

«Il mio sport ti insegna la pazienza e che l’unico limite che abbiamo è dentro di noi. Il sollevamento pesi è un continuo lottare contro se stessi» conclude lasciando la parola all’artista. «Questo progetto nasce dall’idea che il corpo è un elemento narrativo. In questa narrazione racconto la mitologia del femminile, il rapporto fra l’individuo e la società. È un insieme di significati semantici infiniti».

È un lavoro che Marilisa Cosello porta avanti da due anni come opera diffusa in diverse location sempre con sportive differenti fuori dal loro contesto. «Mi interessava indagare la relazione fra la libertà e il controllo che ci concede l’atto sportivo».

Nessun atto sportivo portato avanti durante Try è in una location sportiva, c’è l’estetizzazione dell’atto sportivo. «Lo sport mi ha coinvolto per la sua capacità di inserire e raccontare il femminile all’interno della società e della storia. Questo progetto vuole essere un racconto collettivo».

Instagram content

This content can also be viewed on the site it originates from.

A sport che sono associati a femminilità o eleganza come ginnastica ritmica e scherma se ne sono affiancati altri molto lontani dallo stereotipo come pugilato e sollevamento pesi. Creano un taglio con l’immaginario definito all’interno dello sport.

Altre storie di Vanity Fair che ti possono interessare: 

– Mondiali senza Italia, per chi tifare?

– Ada Hegerberg, bomber dal futuro: «I miei gol, per le calciatrici di domani»

Fonte: vanityfair.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *