Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Troppi incendi dei motori: avviata indagine su veicoli Hyundai e Kia

L’agenzia ha ricevuto 161 denunce per incendi di motori, alcuni dei quali avvenuti in veicoli che erano già stati richiamati per essere sottoposti a verifiche. Guasti al motore e incendi si sono registrati in veicoli delle case automobilistiche coreane dal settembre 2015, quando le società hanno emesso un richiamo delle vetture per guasti al motore. L’agenzia, che ha reso noto di stare per avviare una analisi ingegneristica per valutare se i precedenti richiami riguardassero abbastanza veicoli, monitorerà inoltre l’efficacia dei precedenti richiami.

L’esito dell’analisi ingegneristica potrebbe portare a ulteriori richiami. Da parte sua, Hyundai ha dichiarato che sta collaborando pienamente con i regolatori statunitensi e che ”ha intrapreso numerose azioni proattive per affrontare i problemi del motore, tra cui diversi richiami, lancio di una nuova tecnologia di monitoraggio del motore, fornitura di garanzie estese e miglioramento della risposta del nostro servizio clienti”. Hyundai ha poi rivendicato una ”cultura di trasparenza e responsabilità poiché la sicurezza dei nostri clienti è la massima priorità in tutto ciò che facciamo”.
Gli incendi dei veicoli coinvolgono i motori Theta II GDI, Theta II MPI, Theta II MPI hybrid, Nu GDI e Gamma GDI delle case automobilistiche coreane. I modelli coperti includono Sonata, Santa Fe ed Elantra di Hyundai e anche Sorento, Rio, Optima e Soul di Kia.

Nel novembre del 2020, NHTSA aveva annunciato che Kia e Hyundai avrebbero dovuto pagare 137 milioni di dollari di multe e attuare miglioramenti della sicurezza perché si sono mossi troppo lentamente per richiamare più di un milione di veicoli con motori che possono guastarsi. Le multe risolvono una precedente indagine sul comportamento delle aziende che prevedeva il richiamo di più modelli risalenti all’anno modello 2011. Kia doveva pagare 27 milioni di dollari e investire 16 milioni di dollari in misure di sicurezza. Un altro pagamento di 27 milioni di dollari sarà differito finché Kia soddisferà le condizioni di sicurezza, ha affermato NHTSA.

Kia ha negato le accuse degli Stati Uniti, ma ha comunque affermato di voler evitare una lunga battaglia legale. I dati raccolti dal Centro no profit per la sicurezza automobilistica mostrano 31 richiami relativi a incendi e motori negli Stati Uniti da parte di Hyundai e Kia dal 2015. I richiami riguardano più di 20 modelli dal 2006 al 2021, per un totale di oltre 8,4 milioni di veicoli.

Molti dei richiami riguardavano difetti di fabbricazione che impedivano all’olio di fluire attraverso il blocco motore. Molti implicavano costose sostituzioni del motore. Hyundai e Kia hanno anche fatto una “campagna di miglioramento del prodotto” negli Stati Uniti che copre 3,7 milioni di veicoli per installare un software che avviserà i conducenti di possibili guasti al motore.

Fonte: italia-informa.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *