Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Tragedia in Cina, 21 corridori muoiono di freddo durante una 100 chilometri in quota

Tra le vittime anche il 31enne Jing Liang, atleta d’élite dell’ultrarunning. Le temperature si sono abbassate improvvisamente fino a zero gradi. Settecento persone hanno cercato i dispersi tutta la notte, ma per molti di loro non c’è stato nulla da fare

Una tragedia assurda si è abbattuta nel mondo dello sport. Ventuno corridori sono morti di freddo durante una corsa di 100 chilometri nella Foresta di Pietra del Fiume Giallo, quindi in montagna, iniziata sabato mattina nella provincia del Gansu, nel nord della Cina. Si tratta della più grande tragedia che l’ultrarunning abbia subito.

I fatti

—  

Tra gli atleti deceduti anche il cinese d’élite Jing Liang , 31 anni, che aveva trionfato nelle tre precedenti edizioni di questa prestigiosa sfida. La gara, che ha visto la partecipazione di 172 atleti, è stata interrotta dopo che alcuni di loro hanno mostrato segni di ipotermia e problemi fisici a seguito del repentino abbassamento delle temperature fino agli zero gradi (mentre gli atleti indossavano abiti piuttosto leggeri). Ma dopo la pioggia gelata e la grandine che hanno colpito la zona ieri pomeriggio, alcuni sono risultati dispersi. Soltanto questa mattina le squadre di soccorso, che hanno lavorato con oltre 700 persone per tutta la notte, hanno confermato la morte di 21 corridori. Gli altri 151 sono al sicuro, solo otto di loro hanno riportato ferite lievi per le quali hanno ricevuto cure mediche, ma sono stabili.

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *