Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Tragedia di Massa: Malak, con la sorella Jannat, uccisa da un albero e il sogno di diventare judoka

Tutti gli anni in estate tornavano in Marocco a Kenitra per le vacanze ma quest’anno no. Avevano deciso di trascorrere le vacanze in Italia, Fatima e Hicham Lassiri e i loro figli, in Toscana, a Marina di Massa dove questa mattina raffiche di vento fortissimo e pioggia hanno abbattuto un albero che è crollato sulla tenda dove dormivano Malak, 14 anni e Jannat, 2 anni e mezzo.

La più piccola è morta sul colpo, la sorella poco dopo il ricovero in ospedale. “Avrebbero dovuto rientrare ieri ma avevano deciso di aspettare ancora un paio di giorni”, dicono i vicini sconvolti. Malak era una judoka, allieva della scuola Jigoro Kano di via Valdellatorre, aveva ottenuto diversi risultati nella sua categoria e intendeva seguire le orme della sorella più grande, 19 anni, qualificata alle competizioni giovanili regionali di judo con la stessa società sportiva.  Nel pomeriggio la decisione della famiglia di donare, dopo un consulto con i medici, gli organi della ragazza più grande

Marina di Massa, morte due sorelline nel campeggio

La famiglia, Malak, Jannat e gli altri due figli di 19 e 9 anni di Fatima, erano partiti una decina di giorni fa. “Non sapevamo fossero andati in Toscana” dicono i vicini. “Andavano sempre solo in Marocco. Partivano a metà luglio andavano dai parenti in Francia e poi a casa in Marocco”.

Ma quest’anno il Covid aveva cambiato i loro piani. Avevano scelto il campeggio Verde mare per le vacanze. Nel pomeriggio è arrivato il messaggio di cordoglio della sindaca di Torino Chiara Appendino. “Erano nostre concittadine le sorelle di 3 e 14 anni, morte in campeggio a Marina di Massa in seguito alla caduta di un albero. Una tragedia che lascia scossa tutta la nostra comunità, a nome della quale esprimo profonda vicinanza alla famiglia”. Molti amici e vicini da Torino sono partiti per raggiungere la famiglia a Marina di Massa.

in riproduzione….

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *