Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Toronto non si ferma più: Anunoby e VanVleet mandano Indiana k.o.

Il britannico e lo statunitense trascinano i Raptors alla quinta vittoria nelle ultime sei. Pacers traditi da Brogdon. I Clippers battono i Thunder grazie a un ottimo Leonard

Un super Anunoby e un VanVleet decisivo sui due lati del campo spingono i Raptors al successo, 107-102 il punteggio, sui Pacers traditi da Brogdon (5/22 al tiro) e Sabonis (1/10).

Le assenze degli acciaccati Siakam e Lowry pesano parecchio ma i Raptors, reduci da quattro vittorie nelle ultime cinque gare, tengono botta grazie alla produzione di un eccellente Anunoby. VanVleet difende alla grande su Brogdon, Sabonis fatica tantissimo contro la frontline della compagine canadese e Toronto così cambia marcia nel secondo quarto e prende possesso della gara. Anunoby non solo fa male nella zona pitturata, ma trova ritmo anche dal perimetro. I Raptors producono una signora pallacanestro e arrivano all’intervallo avanti 58-47 dopo aver tirato con 10/18 dalla lunga distanza. Brogdon va al riposo con un bruttissimo 2/12 dal campo e a inizio ripresa la musica non cambia. Anunoby e VanVleet continuano a brillare, Toronto arriva al +13 ma nel finale della frazione arriva il ritorno dei Pacers. L’ottimo impatto dalla panchina di McConnell, il quale dispensa assist e regala energia, è una manna per Indiana che chiude il terzo periodo con un parziale di 13-2 e riprende così i Raptors. Con le triple di VanVleet la squadra ospite prova a riprendere il cammino all’inizio dell’ultimo quarto ma Indiana resta lì nonostante Sabonis e Brogdon non riescano proprio a tornare in carreggiata. Ci pensa Turner a mettere pressione a Toronto ma le giocate difensive di VanVleet permettono ai canadesi di restare davanti per poi chiudere i conti nei secondi finali dalla lunetta.

Indiana: Turner 25 (4/5, 4/7, 5/6 tl), Holiday 16, McDermott, Lamb 13. Rimbalzi: Sabonis 19. Assist: McConnell 7. Toronto: Anunoby 30 (5/10, 4/6, 8/10 tl), VanVleet 21, Powell 20. Rimbalzi: Anunoby 8. Assist: Powell 6.

Los Angeles Clippers-Oklahoma City Thunder 108-100

I Clippers si preparano alla loro lunga trasferta (sei partite consecutive lontano da LA) superando senza faticare più di tanto i Thunder. La squadra californiana guidata da Kawhi Leonard (34 punti, nove rimbalzi e otto assist) vince 108-100 e raggiunge così in vetta alla Western Conference i cugini Lakers. LA parte con il piede sull’acceleratore, Kawhi Leonard fa quello che vuole a livello offensivo e i Clippers a metà primo quarto sono già avanti di 10 lunghezze. I Thunder non trovano ritmo dal perimetro, e la squadra di casa chiude in crescendo la prima frazione arrivando al +17. Vanno meglio le cose nel secondo quarto per OKC con Roby e Bazley che provano ad avvicinare gli ospiti. LA va a corrente alternata ma con i canestri di Ibaka resta saldamente in controllo e arriva al riposo avanti 56-45. Leonard a fine primo tempo ha già 21 punti, sei rimbalzi e quattro assist a referto, i Thunder, invece, tirano con un brutto 2/13 dalla lunga distanza. Con la produzione della coppia Hill-Gilgeous-Alexander Oklahoma City prova a rientrare nel match ma bastano un paio di accelerate di Leonard ai Clippers per tornare a distanza di sicurezza. Con il primo canestro dal campo, ovviamente una tripla, di un Lou Williams fino a quel momento 0/7 dal campo i padroni di casa tornano al +15 a nove minuti dalla sirena. I Clippers alzano il piede dall’acceleratore troppo presto e OKC tira fuori il carattere e con orgoglio torna al -6 a 1’30’’ dalla fine. La schiacciata del solito Leonard comunque chiude definitivamente i conti.

Los Angeles Clippers: Leonard 34 (10/15, 4/9, 2/2 tl), Ibaka 17, Jackson 14. Rimbalzi: Zubac 11. Assist: Leonard 8. Oklahoma City: Gilgeous-Alexander 23 (7/13, 1/3, 6/6 tl), Hill 22, Diallo 14. Rimbalzi: Bazley 11. Assist: Gilgeous-Alexander 7

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *