Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Terremoto, la terra trema ancora in Toscana vicino Firenze, sciame sismico in atto a Impruneta. Ecco cosa sta succedendo

Visita il profilo di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 52 secondi

 Per tutti

ANCORA MOLTE SCOSSE NELLA NOTTE – Il terremoto di magnitudo 3.7 delle 17:50 di martedì sera e la sua replica maggiore di magnitudo 3.4 delle 22:14 sono stati l’inizio di un breve sciame sismico tutt’ora in atto. Numerosi altri eventi tutti di magnitudo inferiore al 3 si sono ripetuti nella notte, tra quelli avvertiti dalla popolazione una magnitudo 2.7 alle 23:00 sempre di martedì sera e una magnitudo 2.4 alle 7:05 di poco fa, mercoledì. Nel mezzo una serie di eventi minori circa una quindicina di magnitudo compresa tra 1 e 2, alcuni dei quali avvertiti leggermente nelle zone epicentrali. L’area che contiene tutti questi epicentri è compresa tra i comuni di Impruneta a nord, San Casciano in Val di Pesa a Ovest, Strada in Chianti a est e Mercatale in Val di Pesa a Sud. Gli eventi più energetici, quattro sono stati avvertiti anche a Firenze destando non poca preoccupazione tra la gente. 

L’ultimo forte terremoto di quell’area risale al 18 maggio del 1895, ora 19:55 e fu di magnitudo 5.5, un terremoto molto energetico che causò dei crolli e anche 3 vittime ma che resta comunque un evento isolato mai preceduto almeno dall’anno 1000 da eventi simili. Due invece i terremoti di energia vicina al 5.0, di cui uno recente, il 1 febbraio del 1995 di magnitudo 4.9 e precedentemente il 24 marzo del 1959 di magnitudo 4.8. Non lontano dalla zona epicentrale invece il terremoto di magnitudo 4.3 del dicembre del 2014, il più recente di tutti ma che non causò alcun danno particolare. Una sismicità di media energia dunque che ha prodotto nella storia un solo terremoto con delle vittime. Le zone a maggiore sismicità della Toscana sono altre e bordano sostanzialmente l’Appennino Tosco Emiliano,  dalla catena delle Apuane fino al Parco Nazionale delle foreste Casentinesi

Al momento, non ci sono elementi per pensare che questo sciame sismico possa essere il precursore di un evento di maggiore energia come quello del 1895 ma la situazione andrà naturalmente monitorata. L’indizio di maggiore tranquillità viene dal fatto che nessuno degli eventi successivi a quello iniziale ha superato in energia la magnitudo 3.7 con una sismicità che va a decrescere nel tempo. Resteremo comunque aggiornati.


Seguici su Google News


Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *