Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Tamponi molecolari e antigenici, nei centri privati volano i prezzi. Costi extra per la velocità

di Sara Bettoni

Si parte dai 15 euro per un test antigenico in farmacia fino ai 120 per un molecolare con il risultato entro due ore. Le differenze da Regione a Regione

Dove s’allungano le code ai punti tampone pubblici, lievita il costo dei test anti-Covid eseguiti privatamente. Più cari al Nord, in particolare in Lombardia, meno al Centro-Sud. Insieme alle farmacie, i privati sono l’approdo di chi non è disposto ad attendere ore in auto negli hub ospedalieri, chi non riesce a prenotare il test in tempi ragionevoli con il sistema sanitario nazionale e chi non ha sintomi né contatti con positivi ma vuole comunque essere sicuro di non aver contratto l’infezione. Oltre ai no vax che hanno bisogno del green pass. Quello del tampone è un business redditizio, in cui sono entrati anche nuovi attori (come i grandi parcheggi) vista la mole di richieste. I prezzi variano ovviamente a seconda del tipo di test. I più veloci ed economici sono quelli antigenici. Se le farmacie sono obbligate dal protocollo Figliuolo a far pagare 15 euro i tamponi validi per l’emissione del certificato verde, i privati che non aderiscono all’accordo stabiliscono tariffe ben più elevate.

Negli ambulatori del Centro diagnostico italiano, attivo a Milano, nella provincia di Varese e in quella di Pavia, sottoporsi al tampone rapido costa 20 euro. Disponibilità nel giro di qualche giorno. Nelle sedi del Gruppo San Donato la tariffa è 29 euro, ma controllando ieri sul sito online non si trovava posto prima del 3 di gennaio. A Roma il gruppo Bios è tra i pochi che aderisce (fino al 31 dicembre) all’intesa con la struttura commissariale e il ministero della Salute. Le famiglie però devono sborsare di più (22 euro) se vogliono sottoporre all’analisi i figli con meno di 12 anni. La rete ParkinGo ha riconvertito alcuni dei suoi parcheggi vicini a stazioni, aeroporti e porti in drive-through «in collaborazione con le principali aziende sanitarie e laboratori d’analisi certificati», si legge sul sito. Nel posteggio di Cagliari l’antigenico costa 40 euro. Già oggi si trova posto. Stesso prezzo a Bologna, ma tocca aspettare l’anno nuovo per rimediare un appuntamento. A Linate invece bisogna pagare 50 euro per il servizio.

Chi richiede un tampone molecolare — più affidabile — vede crescere sensibilmente la spesa. In Piemonte il gruppo Cdc offre l’analisi a 68 euro, Altamedica a Roma a 60 euro e con qualche ora d’attesa in più è anche in grado di dire al paziente se è stato contagiato dalla variante inglese, sudafricana o brasiliana del virus. A Napoli Synlab Sdn parte dai 50 euro, che diventano 100 se si vuole l’esito entro 24 ore e 110 per il referto in inglese. A Torino i poliambulatori Larc fissano un tetto di 75 euro. È la Lombardia, che in questi giorni vede una corsa ai test e un relativo picco di contagi, la Regione in cui le strutture applicano tariffe più alte. Settanta euro in Humanitas a Rozzano (Milano), 80 al Policlinico San Donato, 92 nelle sedi del gruppo Habilita, 120 al Policlinico San Marco di Bergamo per avere il responso nell’arco di due ore. Si stanno esaurendo anche gli auto-test in vendita (a 5 euro) nei supermercati, in farmacia e online. E in ogni caso devono essere confermati da un tampone riconosciuto.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta
cliccare qui.

30 dicembre 2021 (modifica il 30 dicembre 2021 | 07:13)

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *