Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Tamara Lunger in partenza per il Pakistan | MountainBlogMountainBlog | The Outdoor Lifestyle Journal

Tamara Lunger. Fonte facebook

L’alpinista altoatesina porterà avanti il progetto del compianto Juan Pablo Mohr: insegnare ad arrampicare ai bambini pakistani nella Shigar Valley

Tamara Lunger lo ha annunciato poche ore fa sui suoi canali social: “Tra pochi giorni  riparto per il Pakistan!”, scrive l’alpinista altoatesina.

“Ci ritorno con gioia e timore allo stesso tempo, ma soprattutto ci ritorno a cuore aperto e con una missione! – spiega Tamara – Lunedì 5 luglio è stato l’anniversario, 6 mesi da quel fatidico giorno! Quello che poteva essere una grande gioia, è stato invece il giorno che ha cambiato tutto, portando con se momenti davvero difficili,  dolore e tristezza. Mi sembra ieri e allo stesso tempo mi sembra una vita fa. Quello che resta invariato è quanto manchi JP [Juan Pablo Mohr]!
Anche Sergi [Mingote], Alì [Sadpara], John [Snorri] e Atanas [Skatov] ovviamente!
Ogni momento difficile e di dolore può portare con se anche qualcosa di bello e in questo caso è questo: abbiamo deciso di prendere il testimone e portare avanti in suo onore e memoria il progetto a cui JP teneva tanto; il progetto era di insegnare ad arrampicare ai bambini pakistani, nella Shigar Valley, certamente per farli divertire ma anche per garantire loro un futuro partendo dalle risorse della loro terra.

Il progetto si chiama CLIMBING FOR A REASON! Bello, giusto?

E in più siamo orgogliosi di poterlo fare non solo con i ragazzi ma anche con le ragazze 

Grazie alla nostra amica Naila del Pakistan per questo!

Tra pochi giorni noi partiamo, anche  voi avete  voglia di partecipare e aiutare?

Grazie di cuore. Questo progetto vale tanto per me.”

Tamara Lunger e Juan Pablo Mohr, invernale al K2 2020-2021. Foto arch. Juan Pablo Mohr. Fonte/ Tamara Lunger/facebook

Il 4 febbraio 2021, Tamara raggiunse il Campo 3 (7350 m) del K2 con il cileno Juan Pablo Mohr, suo nuovo compagno di cordata dopo la rinuncia di Alex Gavan.

Il 5 febbraio, l’altoatesina abbandonò il tentativo alla vetta e Mohr proseguì con il pakistano Muhammad Ali Sadpara e l’islandese John Snorri. I tre furono visti per l’ultima volta al Collo di Bottiglia (8200 m).

Fonte: mountainblog.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *