Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Successo per la prima edizione Festival dello Sport e del Sociale Asi

RIETI – Un po’ di idee sul tavolo, mescolate seguendo il lavoro e la passione che muove tante persone a valorizzare lo sport e l’impegno sociale nella nostra città. Così è nato il Festival dello Sport e del Sociale, che si è concretizzato ieri con migliaia di persone nella sua prima edizione, in Piazza Vittorio Emanuele II.

Una manifestazione patrocinata dal Comune di Rieti e dalla Provincia di Rieti, organizzata dall’Ente di Promozione Sportiva e Sociale “Comitato Provinciale Asi Rieti”. Il Presidente Asi Rieti Drago Amicarelli ringrazia Marco Ciancarelli, Livio Rositani, Omar Turi, Mario Caprioli, Giovanni Rositani, Andrea Tornari, Irina Trujillo Colino, Gianni Petroni e tutti gli organizzatori, le associazioni presenti l’NPC per il Basket, per il supporto creativo Luca Pezzotti, i fornitori, gli sponsor, il Comune con la presenza del Vicesindaco Daniele Sinibaldi e le madrine dell’evento Stefania Clari ed Annacarla Purificati.

Stefania Clari ha illustrato l’impegno dell’ASI, che è cresciuto insieme ai risultati in questi anni. Un sostegno e un riferimento per le associazioni, le quali rivestono un ruolo fondamentale nella società, che va dall’amministrazione agli aspetti burocratici, dalla formazione alla diffusione. Ciò è compiuto anche nell’ambito di collaborazioni tra Enti per mettere in moto iniziative, intercettare bandi di finanziamento, strutturate una rete che favorisca lo sviluppo e potenzi il territorio.

Annacarla Purificati, Vicepresidente della Asd Atletica Sport Terapia, ha inserito il tema sociale e di impegno civile alla base della giornata: la costruzione di un Parco Inclusivo a Rieti, per il quale si stanno raccogliendo fondi anche da importanti aziende locali: «È una giornata dedicata all’associazionismo e allo sport come strumento di benessere fisico e di interazione e conoscenza (…) Non intendiamo realizzare un parco per disabili, ma un luogo per rispettare il principio che il gioco è un diritto di tutti, e che le barriere non sono solo architettoniche ma anche culturali e relazionali».

La strada per la solidarietà e la coesione è lunga, ma costellata di successi, come questo Festival o come il corso di attività motorie extrascolastiche che non distingue bambini disabili e normodotati, affinché entrambi crescano ed imparino insieme, dando l’uno all’altro ciò che si può, e arricchendo così il proprio patrimonio di esperienza ed umanità.

Lo sport e la socialità sono veicolo di questi valori. Per questo, da mattina a sera Rieti si è animata con tanti momenti diversi. Entrando in Piazza ci si trovava al bordo di un campo da Basket; i ragazzi degli IIS Luigi di Savoia, Celestino Rosatelli, Carlo Jucci ed Elena Principessa di Napoli hanno risposto all’invito della Npc e si sono sfidati davanti all’ex Bar Gencarelli. Per la cronaca la gara dei 3 punti ha avuto questa classifica: Flaviano Capasso, Alessandro Rivoltella, Jacopo Cattani.

Tante le Associazioni Sportive che hanno mostrato le loro discipline, provenienti anche da Terni e Roma. Passeggiando nel centro si poteva assistere a sedute di Yoga, Arti Marziali, Fitness, Zumba, Pilates, Balli di Gruppo e l’esclusivo ed innovativo Bioenergym. Un raduno dei Vespa Club con una gincana organizzati dai Vespa Club di Fara Sabina e Rieti, insieme ad un’area dedicata al gioco per i più piccoli e alle gare di atletica dei bambini, hanno inondato di vita e risate tutta Piazza Cesare Battisti.

Le strade della Città sono state coinvolte dalla passeggiata ciclistica promossa dal Team Amore e Vita con il Presidente Maurizio Bucci in prima linea, e nello stand conferenza si è parlato di nutrizione ed allenamento, di inclusione e promozione dell’associazionismo e del territorio.

Verso sera, aspettando la Luna Nuova, la situazione ha cambiato aspetto, e il palco, in precedenza sede di coreografie sportive in musica, è stato consegnato ai Croma Latina e a DJ Vargas, immergendo la Piazza del Comune nel sabato sera reatino; si è ballato in strada e negli stand, rifocillandosi ai vari chioschi street food.

Fonte: ilmessaggero.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *