Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Stop a distributori automatici, divieto di stazionamento la notte da Cornigliano a Rivarolo

Chiusura di tutti gli “h24”, i distributori automatici di cibo e bevande. Chiusura dei negozi alimentari dalle 21 alle 8, a meno che non blocchino la vendita di alcolici e fatta salva la possibilità di vendita a domicilio. Chiusura delle sale giochi. Sono i provvedimenti contenuti nella nuova ordinanza della regione Liguria, validi su tutto il territorio del comune di Genova a partire da domani a mezzogiorno e valida per 29 giorni, scadendo assieme al dpcm. Lo annunciano il governatore ligure Giovanni Toti e il sindaco Marco Bucci, nel punto stampa di fine giornata sull’andamento del coronavirus.

Stretta ulteriore nelle zone a più alta densità di contagio, che corrispondono al centro storico, alla parte bassa di Sampierdarena, a Cornigliano, Certosa e Rivarolo. Qui sarà anche vietato lo stazionamento dalle 21 alle 8 e saranno chiusi tutti i circoli pubblici e privati. Domani, sul sito del Comune di Genova, saranno elencate nel dettaglio tutte le strade in cui è in vigore questa parte di ordinanza. “Nel provvedimento di chiusura degli ‘h24’, al momento non sono compresi i tabacchini nè i distributori automatici delle farmacie”, precisa il sindaco Marco Bucci. “Come prevede il dpcm- spiega toti- le misure sono prese d’intesa con il ministro della salute, Roberto Speranza, e non sono particolarmente gravose rispetto a quanto già previsto del governo. Ma, sulla scorta dell’esperienza precedente alla Spezia, saranno utili a drenare ulteriormente il contagio”.

Il governatore aggiunge che “dal punto di vista sanitario, stiamo adeguando l’offerta alle necessità di Genova. Il San Martino già stamattina ha ampliato l’offerta dei posti letto del reparto di malattie infettive. Contiamo, nei prossimi giorni, di aprire un altro settore per i casi di media e bassa intensità di cura. Mentre, per il momento, non c’è bisogno di riaprire il ‘fagiolone’ per le terapie intensive. Inoltre, resterà il centro tamponi rapidi alla Commenda, che sarà affiancato da un secondo in un’altra area nel centro-ponente della città”.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *