Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Stefano Bonaccini ci spiega il Pd che ha in mente

Proteggere il futuro, costruire un’alternativa, diventare “il partito dei lavori” e uscire dalla logica del governare contro. Leadership, tabù e identità. Il presidente dell’Emilia-Romagna contro la socialconfusione

Non vuole un partito costruito per essere solo contro qualcosa o solo contro qualcuno. Non vuole un partito costruito per essere solo un amalgama non riuscito di correnti in lotta fratricida. Non vuole un partito costruito per essere solo la replica stanca di esperienze passate. Non vuole un partito che cada rapidamente nell’errore di combattere la ricchezza per combattere la povertà. Non vuole un partito socialconfuso che si faccia portare via, dalla destra, le battaglie per la protezione degli italiani, che spesso sono battaglie incompatibili con le battaglie a difesa del protezionismo. E soprattutto non vuole un partito che cada nell’errore di attaccare i propri avversari su temi che non esistono, come il fascismo, e non vuole che il partito che proverà a guidare, quando sarà, usi la stessa tecnica utilizzata dagli avversari per governare l’Italia, ovvero sfuggire costantemente da un binario chiamato realtà.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Accedi Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri tutte le soluzioni
OPPURE

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *