Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sport terapia per bambini con tumore: al via sperimentazione al Centro Maria Letizia Verga

Monza, 21 settembre 2021 – “Fai sport che ti fa bene”. E’ una delle frasi più ripetute dai genitori ai loro ragazzi. E di studi che decantano le potenzialità benefiche dell’esercizio fisico ce ne sono tanti. Ma lo sport può essere considerato una terapia, un alleato delle cure oncologiche per i bambini colpiti da tumore? E’ quello che punta a scoprire il Centro Maria Letizia Verga di Monza. La struttura dal 2017 ha avviato l‘attività di Sport Therapy coinvolgendo circa 400 pazienti, bambini e adolescenti con malattie onco-ematologiche in cura nel centro, dai 18 mesi ai 22 anni, di cui il 25% sottoposto a trapianto di midollo osseo, per un totale di 10.300 allenamenti, dal golf all’arrampicata. Ora si aggiunge un tassello in più, perché il Centro ha appena vinto un bando europeo di ricerca multicentrico internazionale e allargherà i propri orizzonti.

FORTEe è un progetto multicentrico internazionale di ricerca scientifica al quale hanno aderito 16 istituzioni in 8 paesi europei – Spagna, Italia, Germania, Inghilterra, Francia, Romania, Slovenia e Danimarca – coordinati dall’Università Johannes Gutenberg di Mainz, in Germania. Il progetto è suddiviso in sette work packages e la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma (MBBM), ente gestore del Centro Maria Letizia Verga, sarà il leader del work package dedicato alla sperimentazione clinica. A dirigere il progetto il professor Andrea Biondi, direttore scientifico del Centro Maria Letizia Verga e la professoressa Adriana Balduzzi, pediatra e responsabile del centro trapianti. Il Centro di Monza è stato selezionato per la sua storia di eccellenza nella cura di giovani pazienti con leucemia, linfoma e altre patologie non oncologiche del sangue e per il progetto di ricerca già in atto sull’impatto dello sport e dell’esercizio di precisione nei pazienti. Altro centro italiano è l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, che partecipa al progetto per la parte di sperimentazione sui tumori solidi pediatrici.

ilgiorno.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *