Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sport, Sabella e il terremoto nell’assessorato

Tra qualche giorno il bandolo della matassa dell’assessorato allo sport dovrebbe essere trovato. Pronto ad entrare in campo, secondo i rumors di palazzo, potrebbe essere l’attuale assessore al turismo Alessandro Sabella, con un rimpasto di deleghe che però potrebbe coinvolgere l’intera giunta comunale. Sabella, candidato a sindaco con la lista “Amo Pistoia” nel 2017, aveva portato avanti gran parte della campagna elettorale proprio sulla promozione sportiva. Ma l’assessore per il post Magni non sarà l’unico problema da risolvere. Molto probabilmente, subirà una scossa profonda anche la…

Tra qualche giorno il bandolo della matassa dell’assessorato allo sport dovrebbe essere trovato. Pronto ad entrare in campo, secondo i rumors di palazzo, potrebbe essere l’attuale assessore al turismo Alessandro Sabella, con un rimpasto di deleghe che però potrebbe coinvolgere l’intera giunta comunale. Sabella, candidato a sindaco con la lista “Amo Pistoia” nel 2017, aveva portato avanti gran parte della campagna elettorale proprio sulla promozione sportiva. Ma l’assessore per il post Magni non sarà l’unico problema da risolvere.

Molto probabilmente, subirà una scossa profonda anche la struttura interna dell’ufficio sport e potrebbe cambiare il dirigente a capo del settore. Da oggi infatti entrerà in servizio un nuovo dirigente comunale e la macrostruttura, di concerto con l’assessore comunale Leonardo Ciardi che ha proprio le deleghe al personale, potrebbe mutare radicalmente.

Intanto il sindaco Alessandro Tomasi, che attualmente ha tenuto le deleghe del settore sportivo, sta lavorando a pieno ritmo per far rientrare le società negli impianti sportivi. Il nodo da sciogliere resta le convenzioni preparate per rientrare nelle strutture, convenzioni che presentano clausole “impossibili da rispettare”, hanno spiegato nei giorni scorsi diverse società sportive. Intanto nella maggioranza i primi scricchiolì sulle decisioni prese in ambito sportivo sono già stati registrati.

A insorgere sono stati i consiglieri della Lega, Gabriele Gori e Francesco Mazzeo: “Prima il sindaco ha proceduto alla sostituzione dell’assessore all’urbanistica, cambiando anche gli equilibri di forza all’interno della giunta – hanno dichiarato in una lettera aperta – visto che Alessandro Capecchi era stato chiamato in giunta come indipendente, mentre chi l’ha sostituito ha un inquadramento e una tessera ben definita. Di questa sostituzione abbiamo saputo a cose fatte dalla stampa e non direttamente dal primo cittadino. Poi a seguire – hanno aggiunto Gori e Mazzeo –, la vicenda grottesca dell’assessore ai lavori pubblici. Tomasi ha concesso ad Alessio Bartolomei di candidarsi alle elezioni regionali senza dimettersi dall’incarico di assessore comunale, nonostante avesse asserito che se qualcuno dei suoi componenti di giunta fosse finito in una lista di candidati non l’avrebbe impedito, ma gli avrebbe imposto di dimettersi dalla carica, cosa che ha fatto con solerzia nei confronti dell’assessore Capecchi. Adesso la revoca delle deleghe all’assessore allo sport Gabriele Magni. Revoca probabilmente imposta dal dover individuare un capro espiatorio a cui addossare responsabilità. Anche in questa occasione il tutto appreso a cose fatte. Con molta probabilità il sindaco dovrà in seguito avere un’accurata comunicazione nei confronti di coloro che in consiglio comunale chiama a votare i provvedimenti di maggioranza. La domanda che sorge spontanea è: in maggioranza ci volete oppure no? Se si – concludono con asprezza i due esponenti del Carroccio – però con rispetto e dignità”.

Michela Monti

Fonte: lanazione.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *