Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sport nei parchi, Fermignano in campo

Il comune di Fermignano ha aderito al bando nazionale “Sport nei parchi”, promosso da ANCI e da Sport e Salute S.p.a., un progetto che mira a individuare aree verdi da destinare alle attività sportive e motorie all’aperto e all’allestimento, al recupero e alla fruizione di attrezzature e strutture. “La nostra Giunta ha deciso da subito di partecipare, per poter creare nuove opportunità per i nostri cittadini, e lo ha fatto grazie all’ottimo…

Il comune di Fermignano ha aderito al bando nazionale “Sport nei parchi”, promosso da ANCI e da Sport e Salute S.p.a., un progetto che mira a individuare aree verdi da destinare alle attività sportive e motorie all’aperto e all’allestimento, al recupero e alla fruizione di attrezzature e strutture.

“La nostra Giunta ha deciso da subito di partecipare, per poter creare nuove opportunità per i nostri cittadini, e lo ha fatto grazie all’ottimo lavoro svolto da Giulio Sacchi e Ilaria Vichi, con la coordinazione dell’assessore Fiorella Paolini – spiega il sindaco, Emanuele Feduzi -. L’area individuata è quella di Ca’ Vanzino della “Città dello sport”. Erano richiesti 500 metri quadrati di spazio per partecipare, noi ne abbiamo dedicati 1000. Lo spazio sarà poi coperto con delle tensostrutture, che lo renderanno utilizzabile per vari scopi e discipline, e potranno sfruttarlo tutte quelle società sportive del territorio che individueremo tramite un bando pubblico”.

Il progetto nasce in considerazione della particolare situazione sanitaria e delle restrizioni imposte dal Covid-19, che hanno costretto alla chiusura palestre e centri sportivi, generando una grande richiesta di spazi all’aperto per la ripresa delle attività. “Mancavano i locali e, essendo obbligatorio praticare all’esterno, anche le strutture. In questo modo, le Asd potranno averne. Chiaramente, non sarà semplice praticare alcune forme di sport, però almeno la parte della preparazione atletica si potrà affrontare. Comunque studieremo assieme alle società la formula migliore da adottare”. Alle associazioni lo spazio sarà concesso gratuitamente: in cambio, dovranno solo fare una cosa per la cittadinanza.

“Redigeremo un calendario e le società, nei relativi turni di gestione, dovranno rendersi disponibili a far praticare attività fisica ai cittadini gratuitamente, in un giorno prescelto, che molto probabilmente sarà la domenica. Potrà essere di qualsiasi tipo, dalla ginnastica dolce per una certa fascia d’età, allo sport fatto per socializzare, ad altro ancora. E chissà che non ci sia qualcuno che si avvicini all’attività motoria, dopo non averla mai considerata: può essere un’opportunità. Ora attendiamo la risposta di Anci, poi partiremo con il bando”.

Nicola Petricca

Fonte: ilrestodelcarlino.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *