Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sport: multimpianto per ragazzi in terrazza stabile Palermo – Sicilia

(ANSA) – PALERMO, 04 MAG – Un terrazzo di centocinquanta
metri quadrati nel centro di Palermo si trasforma in un campo di
badminton, padel, minibasket, street-cricket e hockey. L’idea è
di un insegnante di Scienze motorie in pensione, Vincenzo
Pintagro, 67 anni, talent scout di pallamano e cricket, che
vanta una trentina di atleti convocati in nazionale. Il
terrazzo multimpianto è stato realizzato al decimo piano di un
edificio costruito a metà degli anni ’50, nei pressi del
policlinico universitario “Paolo Giaccone”, dal quale si gode
uno dei più suggestivi panorami di Palermo. “Forse sarà stata la
pandemia che mi ha costretto a stare in casa o la difficoltà di
incontrare i ragazzi in palestra a farmi venire questa idea –
dice Pintagro, docente per molti anni prima alla Domenico Scinà,
poi all’Istituto comprensivo Giovanni Falcone – so solo che in
questo modo potrò tenere in qualche modo i contatti con i miei
ragazzi. Loro mi chiedevano con sempre maggiore insistenza, “professore, ma quando ci alleniamo?”. Ecco, la soluzione io
l’ho trovata. L’impianto è munito di ascensore ed attrezzato
pertanto anche per i disabili. Nel rispetto delle norme
anti-covid tra i due piani potranno essere ospitati
contemporaneamente dieci mini-atleti”. L’attività è rivolta agli
under 15 che potranno giocare a minibasket, padel, badminton,
hockey su prato, street-cricket, tennis tavolo e bigliardo. Per
poter frequentare il multimpianto della Filiciuzza sarà
necessario tesserarsi all’Asd “Istituto comprensivo Falcone”.
    Con un tesseramento di appena cinque euro è compresa anche
l’assicurazione. “In questo modo – prosegue il professore
Pintagro – abbiamo mantenuto vivo anche il nome dell’istituto
Falcone. L’accorpamento delle sedi scolastiche ci avrebbe
costretto a eliminare il nome della scuola che adesso si chiama
Montegrappa-Sanzo”.
    Il multimpianto è stato già visionato e certificato dalle
federazioni badminton e cricket. E se la palla dovesse andare
fuori campo precipiterà dal decimo piano? “Niente affatto – dice
il docente – un sistema di reti perimetrali scorrevoli e a
copertura impedirà alla pallina di cricket o al pallone di
minibasket di andare fuori”. (ANSA).
   

Fonte: ansa.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *