Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sport e attività ricreative vietati dalla prossima settimana: ecco quali

Nel nuovo DPCM, atteso per la prossima settimana, nuova stretta per gli sport di squadra e per le attività ricreative. D’altronde, nel nuovo documento elaborato dal Comitato Tecnico Scientifico – che in queste ore verrà sottoposto al parere del Ministero della Salute – si legge della necessità di interrompere le “attività sociali, culturali e sportive maggiormente a rischio” vista l’impossibilità di rispettare il distanziamento sociale.

Per questo motivo potrebbero esserci nuove limitazioni per le palestre, mentre per gli sport di gruppo e di contatto potrebbe esserci un’ulteriore stretta. Ne parlano i maggiori quotidiani di oggi, i quali riportano alcune anticipazioni raccolte in merito al prossimo DPCM: secondo le indiscrezioni, ci sono alcune attività che saranno sospese già dalla prossima settimana per far fronte alla risalita dei contagi e per evitare che possa concretizzarsi lo scenario per cui l’unica soluzione possibile per contenere la pandemia sia quella di un secondo lockdown.

Vediamo quindi quali sono queste attività a rischio che dalla prossima settimana potrebbero essere sospese.

Sport di squadra amatoriali: stop dalla prossima settimana?

Il Governo sta valutando l’ipotesi di bloccare gli sport amatoriali. Questi, infatti, restano occasione di contagio in quanto, come osservato nel corso del vertice di emergenza che si è tenuto nella giornata di ieri tra i capidelegazione rosso-gialli, Dario Franceschini, Roberto Speranza, Alfonso Bonafede, Teresa Bellanova e Francesco Boccia, durante questo tipo di attività non si utilizzano le mascherine e non c’è alcun distanziamento. Si tratta quindi di una “falla del sistema” che va assolutamente risolta.

A tal proposito, con il nuovo DPCM potrebbe arrivare il blocco totale dello sport amatoriale, ma solo per quello di contatto: quindi, niente più partite a calcetto, basket e pallavolo, così come per gli altri sport di squadra.

Stop anche per quegli sport individuali ma dove c’è un contatto continuo, come ad esempio il judo. Per il momento, invece, non è previsto il blocco delle partite di calcio, anche dilettantistico, per le quali si applica il protocollo vigente.

Possibile anche un contingentamento per gli ingressi nelle palestre, attività a rischio contagio per le quali potrebbero esserci nuove restrizioni.

Stop agli eventi a causa della ripresa dei contagi

A rischio non solo le attività sportive, ma anche quelle sociali e culturali.

A tal proposito, il Governo potrebbe anche proibire gli eventi pubblici come le manifestazioni, le fiere, mercatini e assembramenti nei parchi e davanti alle scuole. Possibili nuove restrizioni per gli spettacoli aperti al pubblico: per quelli che si terranno al chiuso potrebbe esserci un massimo di 100 partecipanti, per quelli all’aperto si scenderebbe dagli attuali 1.000 a 500.

Riduzione anche per gli spettatori in cinema, teatri e sale concerto. Stretta per i contagi in famiglia, dove per le feste di compleanno si parla di un limite di 20 o 30 invitati.

Fonte: money.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *