Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Spartak Mosca-Napoli, Spalletti: “Gol subito ci ha creato difficoltà, meglio nel 2° tempo”

L’allenatore azzurro dopo il ko in Russia: “Abbiamo preso subito gol, loro hanno potuto giocare in contropiede e abbiamo avuto difficoltà nel trovare spazi per concludere”. E sul mancato saluto finale con Rui Vitoria: “Troppo facile stringere la mano alla fine in caso di vittoria”

SPARTAK MOSCA-NAPOLI 2-1, GOL E HIGHLIGHTS

Lo Spartak Mosca si conferma la bestia nera in Europa League del Napoli. Dopo il ko dell’andata al Maradona, per gli azzurri è arrivata una sconfitta anche in Russia che rende più difficile il cammino nella competizione. Un risultato maturato al termine di una partita dal doppio volto per il Napoli che ha giocato meglio nel secondo tempo, come spiegato da Luciano Spalletti: “Ho detto che contro l’Inter, nella fase centrale della partita, abbiamo perso un po’ troppi palloni e fatto scelte timide – spiega l’allenatore – Stasera la palla l’abbiamo giocata. Nel primo tempo abbiamo sbagliato tanti passaggi, ma l’intenzione era corretta. Abbiamo preso subito gol a inizio partita e ci ha creato un po’ di difficoltà. Nel secondo tempo l’abbiamo gestita bene, ma era tardi. Non siamo riusciti a dare la zampata, nonostante di occasioni ne abbiamo avute. Ho fatto giocare una squadra molto offensiva, pensavo si potesse gestire la palla da subito. Nello sviluppo abbiamo preso gol, loro hanno potuto giocare in contropiede e abbiamo avuto difficoltà a trovare spazio per concludere“.

La mancata stretta di mano con Rui Vitoria: “Non mi ha salutato all’inizio”

leggi anche Il Napoli cade a Mosca: vince lo Spartak 2-1

A far discutere, però, è la coda polemica dopo il fischio finale. Spalletti, infatti, ha rifiutato la stretta di mano dell’allenatore dello Spartak Mosca, Rui Vitoria: “Lui non venuto a salutarmi all’inizio – spiega Spalletti – Si saluta all’inizio, non alla fine perché hai vinto. Lui dice che all’inizio non c’ero. Dopo un minuto sono arrivato, siamo a dieci metri e può venire a darmi la mano. Troppo facile salutare alla fine perché hai vinto la partita, si saluta all’inizio dando il benvenuto”. 

Koulibaly: “Subire 5 gol in 2 partite mi fa arrabbiare”

Nella partita contro lo Spartak Mosca, Koulibaly ha raggiunto le 300 presenze con la maglia del Napoli. Il risultato, però, non è stato il regalo migliore: “Avrei voluto festeggiare in un altro modo, peccato aver perso – ammette il difensore senegalese – Ho tanti ricordi a Napoli, questa città è nel mio cuore. Ci sono tante partite che ricordo, come l’ultimo Napoli-Juventus con lo stadio pieno o Napoli-Bologna nel 2018 con tutto lo stadio che aveva le maschere con la mia faccia. Spero di vivere altri match così”. Koulibaly si è poi soffermato sul match contro lo Spartak, analizzando il rendimento della difesa: “Subire 5 gol in 2 partite mi fa arrabbiare – spiega – Quando prendi così tanti gol è difficile vincere. Il rigore ci ha messo in difficoltà, poi il secondo gol è nato da un nostro errore e mi dispiace. Abbiamo giocato una buona partita soprattutto nel secondo tempo, peccato non averlo fatto da subito”. Il difensore senegalese, infine, ha parlato delle tante assenze con cui il Napoli deve fare i conti: “Ci mancano giocatori importanti, ma il Napoli non è fatto solo di individualità. Tutti dobbiamo dimostrare di essere al livello del Napoli, dobbiamo lavorare di squadra e rimettere a posto la difesa”.

sport.sky.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *