Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Spadafora: “Riforma sport? È tempo di decidere”. Ma i presidenti di Federazione vogliono andare da Conte

Vincenzo Spadafora è ottimista: “Stiamo lavorando bene sulla riforma dello sport che è importantissima: ora è tempo di decidere, tempo e ora di chiudere questo percorso: ci sono scadenze. Se non portiamo la bozza nelle prossime settimane in consiglio dei ministri, vedremmo fallire i sogni. E’ un impianto di regole per rendere lo sport competivo. Io ho molta fiducia: siamo in dirittura d’arrivo. È tempo di decidere”, ha spiegato il ministro dello sport in diretta Facebook. Sabato altro incontro in videoconferenza con la maggioranza: manca ancora un accordo su diversi punti come il lavoro degli sportivi. Alcuni presidenti di Federazione, riuniti ancora una volta ieri al Coni, non sono però così ottimisti, anzi vorrebbero andare in delegazione a Palazzo Chigi, dal premier Giuseppe Conte, o farsi rappresentare dalla Giunta Coni per spiegare le loro contrarietà. Tempo fa anche Malagò disse che avrebbe chiesto un colloquio al presidente del Consiglio.

Molto severo è stato Sabatino Aracu, recordman dei presidenti federali (è in carica dal 1993) e quindi nel mirino di Spadafora: “Noi non vogliamo che si cancelli lo sport italiano che era un modello unico, invidiato a livello mondiale: ma perché smantellarlo per fare un favore alla politica?”: Aracu è n.1 della federazione italiana (Fisr) e mondiale degli sport rotellistici, nonché membro di Giunta del Coni: ha accusato il ministro dello sport di non capire di sport. E in merito a Sport & Salute, il dirigente originario de L’Aquila ha aggiunto: “E’ giusto che il Governo controlli, va bene un uomo mandato dal Governo ma che lo faccia con persone che sappiano di sport, di provata fede”. Il ministro, nella sua diretta Facebook, ha voluto rassicurare anche i collaboratori sportivi: “Finalmente, anche se in enorme ritardo, il bonus di giugno è pronto. Il decreto è stato firmato, con le modifiche necessarie per la Corte dei Connti. Nel giro di pochi giorni Sport e Salute darà il contributo a tutti quanti”.
 

Federciclismo, Martinello si candida alla presidenza

 

L’ex pistard cinque volte campione del mondo e oro ad Atlanta ’96 Silvio Martinello, oggi commentatore tv e radio, si candida alla presidenza della Federciclismo. Sfiderà Renato Di Rocco. Lo annuncia lo stesso Martinello in un video su Youtube: “Credo fortemente nel gioco di squadra. Ho imparato in bicicletta il valore della forza del gruppo. Ho scelto di affrontare questa avventura perché sapevo di poter contare su di una squadra ricca di idee e di passione”. Le elezioni si terranno entro il 15 marzo prossimo. Il consiglio federale non ha ancora fissato la data.
 

Fonte: repubblica.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *