Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sicilia, rogo distrugge la riserva naturale dello Zingaro: le immagini dell’area danneggiata dalle…

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

È stato domato solo domenica sera, dopo quasi 24 ore, l’incendio scoppiato tra San Vito Lo Capo e la riserva naturale dello Zingaro, dove sono stati danneggiati decine di ettari di verde. Le immagini girate il giorno dopo il rogo mostrano la zona, una delle più apprezzate dai turisti e conosciute in tutto il mondo, divorata dalle fiamme. Sempre nel fine settimana, le fiamme hanno devastato anche le zone di Altofonte, alle porte di Palermo, dove sono stati evacuate oltre 1000 persone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Coronavirus, 996 contagi nelle ultime 24 ore con 58mila tamponi. Altri 6 decessi

next

Articolo Successivo

Lazio, la società inadempiente sulla fornitura di mascherine e camici ora vuole pignorare 8,6 milioni di euro alla Regione

next

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *