Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sei valide alternative con cui sostituire Google. Store, browser e motori di ricerca



In tanti non hanno gradito la scelta dell’azienda di Mointain View di imporre a tutti un aggiornamento che permetterà il tracciamento “causa coronavirus”. Il clima di sfiducia è tale che ora è fuga verso altri lidi



In tantissimi non hanno gradito la scelta di Google – ovviamente su input delle istituzioni – di imporre un aggiornamento che permetterà il tracciamento “causa coronavirus” anche per chi si è rifiutato di installare l’app Immuni. C’è da dire subito che se si vuole evitare di essere tracciati, bisogna evitare di scaricare l’aggiornamento quando si presenterà, ovvero bisogna evitare di premere “ok” quando giungerà la richiesta dal menù a tendina.


Il clima di sfiducia, tuttavia, è tale che molti utenti sono alla ricerca di servizi in grado di sostituire la Suite di Google, mantenendo però tutte utilità che servono a cercare un negozio, a trovare un luogo o a scaricare un’app. C’è da dire che alcuni servizi alternativi all’azienda di Mountain View sono addirittura migliori, anche se pagano lo scotto di essere poco pubblicizzati a causa dell’attuale situazione monopolistica. Vediamo alcuni suggerimenti suddivisi per categoria, ricordando che se li si vuole utilizzare sempre al posto di Google bisogna impostarli come principali, dove possibile disinstallando o disattivando i primi.


Motori di ricerca

DuckDuckGo
Yandex


Store

Aptoide
HappyMod


Browser

Dissenter
Tor Browser


Motori di ricerca


DuckDuckGo

Motori di ricerca alternativi a Google DuckDuckGo

Una buona alternativa al classico e ormai fortemente politicizzato Google è DuckDuckGo. E’ il motore di ricerca con la papera che innanzitutto consente di proteggere la propria Privacy tramite il blocco dei Tracker e la navigazione criptata. Per consultarlo è sufficiente andare su duckduckgo.com. Se si vuole utilizzare al posto di Google, basta cliccare su “Aggiungi DuckDuckGo a Chrome” e successivamente impostarlo quale servizio principale.


Yandex

E’ il primo concorrente a livello internazionale di Google. In Russia, nei Paesi dell’Est, in Turchia e in parte dell’Asia supera addirittura il collega di Mountain View. Yandex ha una sua Suite di servizi – proprio come Google – e quindi può essere utilizzato anche come Browser e per le mappe. Ottima e molto più fedele di quella di Google è la funzione per tradurre un testo.


Store


Ok, ma ormai Google impera soprattutto per quello che riguarda Play Store. Sembra che non se ne possa fare assolutamente a meno. Come installo un’app se non ce l’ho? Semplice, con un “negozio” alternativo. I dispositivi mobili ne hanno in dotazione di propri (come nel caso di Samsung, Apple e così via), ma a volte non rispondono alle aspettative. Vediamo alcune valide alternative.


Aptoide

Aptoide è uno store per Android che può contare già su oltre 300 milioni di utenti in tutto il mondo, più di 7 miliardi di download e 1 milione di app. Rispetto al Play Store, permette anche di condividere per intero quello che si è scaricato. E’ bene ricordarsi di disattivare Play Store dalle impostazioni generali (sezione App) del proprio smartphone o del proprio tablet se non si vogliono creare conflitti.


HappyMod

Un’altra buona alternativa (per i giochi ma anche per le app “da ufficio” che riguardano la produttività) è HappyMod. Anche questo Store è pensato per Android. Ai giocatori offre anche la possibilità di intrattenersi senza installare nessuna applicazione, quindi giocando direttamente nello store senza appesentire il proprio dispositivo.


Browser


Dissenter


E per sostituire Google Chrome? Dissenter è il browser libero realizzato dai programmatori di Gab, il social senza ban e censure. Come Yandex, anche Dissenter permette di rintracciare il flusso di notizie che ci interessano, e addirittura di commentarle rimanendo nel browser (per fare questo è però necessario un account Gab, social che si colloca a metà tra Facebook e Twitter, ma con un’attenzione ancora maggiore verso la politica e l’attualità). Dissenter evita i tracciamenti e permette di non essere disturbati dalla pubblicità. Se si vuole comunque premiare il lavoro dei siti di informazione preferiti, basta ridurre le limitazioni per quel determinato sito (Rec News, per esempio 🙂 )


Tor Browser

Anche Tor – a differenza di Google – permette di evitare di essere “tracciati, sorvegliati e censurati”. Può essere utilizzato praticamente ovunque: è infatti disponibile per Windows, OS X, Linux e Adroid. Concludendo, vivere senza Google è possibile: la lista è ancora lunga e validi sostituti si possono trovare anche per tutti gli altri servizi.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


3.3
3
votes

Article Rating

Fonte: recnews.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *