Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sciopero generale dei Cobas un flop, ma il traffico a Milano va in tilt: troppe auto | E dal 15 ottobre gli autisti “no green pass” saranno un problema




Il sindacato raggiunge con l’effetto “paura” il risultato di paralizzare la città. I mezzi pubblici rallentati dal traffico incrementato

A Milano mezzi regolari ma traffico in tilt – A Milano lo sciopero nazionale dei trasporti pubblici indetto dalle organizzazioni sindacali CUB Trasporti, USB lavoro Privato Lombardia, SGB, Al Cobas e Sol Cobas, che hanno proclamato uno sciopero generale nazionale di 24 ore di tutti i settori pubblici e privati non sta facendo cancellare corse nelle metropolitane. Lo afferma la stessa Atm, l’azienda dei trasporti cittadina: “Il servizio sta proseguendo su tutte le linee metropolitane. Il traffico potrebbe rallentare la circolazione delle linee di superficie” e che “l’agitazione del personale delle linee di superficie e metropolitane è consentita dalle 8:45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio”.

Il problema dei “no green pass” – Diversa invece sarà la situazione dal 15 ottobre, quando entrerà in vigore la legge che impone il green pass per entrare sui luoghi di lavoro. L’Atm a Milano ha già iniziato a ricevere comunicazioni da parte dei propri dipendenti che non è in regola e che quindi potrebbe saltare i propri turni di guida. Ecco quindi che l’azienda dei trasporti sta già cercando di porre rimedio chiamando autisti “riservisti” per sopperire a quella che potrebbe diventare una cronica carenza di personale. Dati ufficiali non ce ne sono ma se si prendono quelli regionali che parlano di una quota del 15% di non vaccinati e la si trasla su tutta la forza lavoro, allora i “no green pass” potrebbero essere davvero molti. Ogni giorno l’Atm ha almeno 100 riservisti pronti ad essere chiamati all’ultimo istante. Resta da capire se saranno sufficienti ad evitare il blocco.

news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *