Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sci di fondo: tutto quello da sapere

sci di fondo l’intramontabile degli sport invernali

Per BreiehagenGetty Images

Lo sci di fondo è uno degli sport principali per chi pratica sci. Facente parti della piùampia categoria dello sci alpino, trattasi di un sport in cui vengono utilizzati sci e bastoncini su delle piste battute con un profilo pianeggiante o collinare. Sviluppatosi inizialmente nei paesi nordici, com’è normale che sia, si è imposto alla fine del 19esimo secolo come uno sport da competizione.

Ripassiamo insieme le caratteristiche di questo sport che spopola ai giochi olimpici invernali.

Sci di fondo: le gare

Lo sci di fondo, anche chiamato sci nordico, consiste in quella disciplina in cui il tallone non è vincolato allo sci, differenziandosi quindi da altri sport con i medesimi strumenti, permettendo quindi al piede di dare la spinta necessaria per avanzare. Grazie a questo sistema, è possibile procedere di passo in passo o anche affrontare piccole salite.

Le gare che vengono disputate nello sport dello sci di fondo sono le seguenti: con partenza a cronometro, con partenza in linea, granfondo, Gundersen, duathlon, sprint, staffetta, biathlon, ski-arc.

La partenza a cronometro rappresenta la gara più classica dello sci di fondo. Tramite un sorteggio viene estratto l’ordine di partenza degli sciatori, che partono e i cui tempi sono cronometrati.

Il tour de ski

Nella stagione 2006/2007 si è andata a formare un nuovo tipo di disciplina, il tour de ski, che consiste in un insieme di gare diverse molto ravvicinate, riprendendo la struttura di una corsa a tappe ciclistica, con una formula che varia di anno in anno.

sci di fondo l’intramontabile degli sport invernali

Westend61Getty Images

Sci di fondo: le tecniche

Le tecniche per praticare lo sci di fondo sono diverse: vediamole.

Le due tecniche principali si dividono nella tecnica classica e lo skating, anche noto come tecnica libera.

La tecnica classica è basata su tre passi principali: il passo alternato, il passo a spinta e la scivolata a spinta. Il passo alternato è composto dalla spinta di una gamba in contemporanea con la spinta dal braccio opposto. Il passo a spinta si compone di una spinta in contemporanea di entrambe le braccia, con un piegamento in avanti del busto. La scivolata a spinta, invece, è la medesima mossa del passo a spinta, con la differenza che ci si riporta nella posizione iniziale con uno slancio in avanti per sfruttare l’inerzia delle braccia.

Nello skating invece ci sono il passo corto, il passo doppio e il passo lungo.


La storia dello sci di fondo

Le principali testimonianze sulla storia degli sci ci arrivano dallo studioso Harold Grinden, secondo il quale i Vichinghi hanno introdotto lo sci nel Nord America più di 900 anni fa. Ma secondo alcune teorie la storia degli sci è ancora più antica.

Alla fine del 1800 una svolta importante è stata l’introduzione dei bastoncini, che danno vita al passo alternato. Nel 1843 lo sci di fondo diventa uno sport. In questa data si disputa la prima gara ufficiale della storia, in Norvegia. Sul finire del 1800 lo sci di fondo arriva anche in Italia, precisamente nel 1886, grazie a Edoardo Mortinoriche dalle valli torinesi, diffonde in tutte le grandi città del nord lo sport. Nel 1913 viene fondata a Milano la Federazione Italiana dello Sci. Il modo contemporaneo di intendere lo sci di fondo è datato al 1974, in cui durante i Campionati del mondo di Falun in Svezia fanno la comparsa degli sci di fondo in materiale sintetico. Le piste diventano più regolari e battute, facilitando la corsa.

sci di fondo l’intramontabile degli sport invernali

Westend61Getty Images

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *