Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sarà un 2021 in trincea per i motori Wärtsilä: non esclusa la “cassa”

TRIESTE Per Wärtsilä il 2021 sarà un altro anno contrassegnato dalla navigazione a vista, come quello uscente. Già prima del Covid il mercato era di ardua decifrazione e di difficile previsione, ma ora, condizionato da un’epidemia estesa a livello mondiale, l’orizzonte è ancor più nebbioso.

Le commesse risentono di questo clima di incertezza, come ha comunicato venerdì 16 ottobre al coordinamento nazionale Fiom-Fim-Uilm, Claudio Taboga, alto dirigente di Wärtsilä Italia. Al momento – ha riferito il segretario della Uilm triestina Antonio Rodà – il carico di lavoro sul prossimo anno contiene 38 motori marini, mentre sul “plant power”, ovvero le centrali terrestri, esistono prenotazioni ma non ancora ordini conclusi. Taboga ha detto ai sindacalisti che l’inizio del prossimo anno sarà più duro e che la situazione dovrebbe migliorare nel prosieguo.

Se il quadro delle commesse non dovesse portare positive novità, l’azienda ricorrerà all’ammortizzatore sociale. In questa fase Wärtsilä ha adottato la cosiddetta Cig- Covid, cioè la cassa integrazione che copre l’emergenza sociale determinata dal virus a partire dall’inverno scorso. I lavori del coordinamento nazionale si sono protratti lungo la “due giorni” di giovedì e ieri. A Trieste sono giunti i responsabili del comparto Trevisan (Fiom), Masci (Cisl), Pagliani (Uilm).

Le informazioni rese da Taboga sull’andamento commerciale hanno rappresentato l’argomento principale del confronto, poichè la discussione su smart working e premio di produzione è stata rinviata in attesa che a metà novembre si rinnovi la rappresentanza sindacale interna: giusto ieri scadeva il termine per la presentazione delle liste.

E’ probabile che, onde evitare file e assembramenti, si voterà in 5 giorni. Infine, Rodà ha fatto il punto sul “lavoro agile” in azienda: 737 i dipendenti che ne hanno diritto (tutti “colletti bianchi”), in media la presenza fisica si attesta attorno alle 450-500 unità al giorno compreso il personale di fabbrica. Wärtsilä sembra orientata a intensificare il ricorso al lavoro “da remoto”.—

Fonte: nordesteconomia.gelocal.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *