Viva Italia

Informazione libera e indipendente

San Lorenzo: arrestato Roberto Vitelli, ex brigatista di Prima Linea

Ma.Cif. 23 settembre 2021 17:20

E’ finito in manette per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. A salire alla ribalta delle cronache Roberto Vitelli, romano di 66 anni, ex brigatista rosso con Prima Linea, organizzazione terroristica sgominata all’inizio degli anni ’80 quando la Digos di Roma fece irruzione nel loro covo ad Ostia arrestando anche l’allora giovane Vitelli. Con precedenti di polizia per rapina, furto, sequestro di persona a scopo di estorsione, terrorismo e banda armata, sono stati gli agenti della squadra investigativa del Commissariato San Lorenzo, diretto da Giuseppe Rubino, ad arrivare nella casa dell’ex terrorista, dopo aver fermato il figlio trovato in possesso di cinque grammi di cocaina. 

A portare gli investigatori nell’appartamento di via dei Marsi il controllo da parte degli stessi di due persone, intente a parlottare in maniera sospetta in un bar del quartiere universitario. Sottoposti a controllo gli agenti hanno quindi trovato un 26enne romano, poi risultato essere il figlio di Roberto Vitelli, con 5 grammi di cocaina nascosti negli slip. 

Da qui la perquisizione della sua abitazione nella quale era presente il padre. In casa dentro un soppalco nel soggiorno sono quindi stati trovati altri 8 grammi di cocaina,  due bilancini di precisione e un manoscritto con cifre e nomi. Il 26enne, insieme al padre sono stati arrestati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti con il fermo convalidato dall’Autorità Giudiziaria in sede di rito direttissimo.

Sessantasei anni, romano, Roberto Vitelli venne processato a Viterbo negli anni ’80 per la rapina consumata l’11 luglio 1980 alla filiale della banca del Cimino del Pilastro compiuta da alcuni appartenenti a Prima Linea e nel corso della quale i terroristi uccisero due carabinieri, il brigadiere Pietro Cuzzoli e l’appuntato Ippolito Cortellessa dopo essere stati fermati ad un posto di blocco. Un processo nel corso del quale l’ex terrorista confermò la sua appartenenza all’organizzazione terroristica rossa, affermando di non aver partecipato alla rapina terminata nel sangue. 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *