Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Sacro Bosco: Garden of Monsters Inspired Salvador Dalì – Entertainment

È così che il dio del mare Glauco accoglie i visitatori. Foto: Grifone97 / Shutterstock.com

Il “sacro” e la “bestia” non vanno davvero insieme. Eppure entrambi si incontrano in una valle nascosta a nord di Roma. Benvenuto a Monster Park.

Inzuppata di muschio e dimenticata dal tempo – la “foresta sacra”, a nord di Roma, non contiene nulla di sacro. Le aggrottate sopracciglia di pietra e le splendide forme stagionate fanno sentire a disagio molti visitatori. Non potevano intimidire il leggendario artista Salvador Dalì (1904-1989). Ha preso ispirazione da Monster Forest per uno dei suoi dipinti.

Vicino Orsini, un nobile del XVI secolo, fece erigere un giardino di sculture in memoria della defunta moglie Giulia Farnese. Negli anni sono stati aggiunti oggetti e strutture sempre più interessanti. Fino ad oggi, hanno lasciato perplessi ricercatori e storici. Qual era l’opinione degli operai edili sulla “Casa Pendente” (la casa disordinata dell’ingegnere)? Cosa fanno la testa del dio del mare Glauco e un elefante con una torre sulla schiena in un giardino? I visitatori possono trovare le proprie risposte.

Puoi trovare le stampe d’arte di Salvador Dalì qui.

Tra gli dei e le creature mitiche

Su un’area di due chilometri quadrati, il percorso attraversa una donna su una tartaruga fino a quando i visitatori a nord attraverso la bocca di Orcus in una camera oscura. Nel 1938, il pittore, scrittore e scultore spagnolo Salvador Dalì visitò il Sacro Bosco. Alcuni motivi, come l’elefante, compaiono nel suo dipinto “La tentazione di Sant’Antonio”. Questo studioso mistico avrebbe dovuto compiacere il maestro del surrealismo.

L’intera foresta di sculture è attraversata da intagli che prima non si potevano immaginare. Alcuni sostengono di aver trovato spunti dalla “Divina Commedia” di Dante Alighieri. Altri apprendono le citazioni dal Canzoniere. Qualunque cosa strana dovrebbe dirci sulle loro incisioni. Chi volesse visitare il parco (post-Corona) rimarrà sicuramente stupito e forse rabbrividirà un po ‘.

Fonte: sdionline.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *