Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Rosso a Tonali “ispirato” dal Var: ma era un chiaro errore?

Giusto il rigore trasformato da Kessie, ma sul fallo costato l’espulsione al centrocampista del Milan il dubbio resta

A fine primo tempo al Vigorito alcuni episodi da moviola in Benevento-Milan. Al 12’, contatto Brahim Diaz-Caprari in area rossonera: c’è un leggero sgambetto, l’arbitro Pasqua lascia correre, ma avesse concesso rigore ci sarebbe stato poco da dire. Il Var Di Paolo giustamente non interviene, non trattandosi comunque di chiaro ed evidente errore. Due minuti dopo, Pasqua non ha dubbi nell’area opposta: Tuia, anticipato da Rebic stende l’avversario in area. Corretto il rigore. Al 27’ Calabria sbaglia lo stop, favorendo la fuga di Caprari, interrotta dall’intervento falloso del terzino rossonero: Pasqua non fischia punizione per il Benevento e sbaglia, ci sarebbe stato anche il cartellino giallo per Calabria.

Al 32’ Di Paolo decide di intervenire (sui falli da rosso diretto è previsto) consigliando una review al collega in campo dopo l’ammonizione per Tonali che davanti all’area difesa da Donnarumma, calcia in ritardo la gamba di Ionita. Davanti al monitor il colpo è netto e il piede è alto, Pasqua decide così di inasprire la pena e punire col rosso, che ci può stare, la pericolosità di un contatto non cattivo ma certamente ingenuo e rischioso. Desta un po’ di perplessità semmai l’intervento del Var, era un chiaro ed evidente errore?

Fonte: gazzetta.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *