Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Roma, perché Mertens sarebbe un vero affare

Dries Mertens ha 35 anni, con 148 gol è il miglior marcatore partenopeo di tutti i tempi, ma fra lui in scadenza di contratto e il Napoli, cioè De Laurentiis, la distanza si fa sempre più grande. E difficilmente colmabile, sebbene la prima regola non scritta del mercato sia mai dire mai. Nel frattempo, alla finestra c’è anche la Roma, oltre alla Lazio; l’EuroRoma che conta già 32 mila abbonati a scatola chiusa e, se la campagna continua così, sfonderà presto quota 40 mila. Di Mertens ha scritto stamane Roberto Maida sul Corriere dello Sport-Stadio: “Lo studiano, lo esaminano. Non perché debbano conoscerlo meglio, ci mancherebbe. Ma vogliono studiarne nel dettaglio il rendimento, tra video e cifre, per capire se a 35 anni possa ancora garantire un plusvalore in termini di qualità”. Mossa saggia.

La nuova Roma di Mourinho per la prossima stagione

Guarda la gallery

La nuova Roma di Mourinho per la prossima stagione

Mertens, cosa può dare alla Roma

Nell’attesa, una sommessa opinione, sulla scorta del rendimento del belga (11 i gol, uno ogni 126′) anche nell’ultima stagione che l’ha visto Dries suo malgrado precario, obbligato a pencolare fra campo e panchina per scelta spallettiana: se ADL non torna sui suoi passi, Mertens per la Roma può rivelarsi una propizia occasione di rafforzamento dell’organico, atteso da una stagione molto impegnativa fra campionato, Europa League, Coppa Italia e gli appuntamenti dei nazionali nelle fila di Mourinho. Quando si parla di Mertens, non si tratta soltanto di una questione di numeri: considerate le caratteristiche dell’attacco romanista, il belga può apportare un contributo di classe, esperienza e duttilità tattica quanto mai apprezzabile per una squadra che, per cominciare, non avrà più Mkhytaryan. Certo, prima di tutto per Mertens c’è la questione ingaggio da definire. Tuttavia il mercato insegna che, se viene assodata la volontà delle parti di trovare un accordo, l’accordo si trova. L’ultima parola, si sa, spetta al giocatore. Dopo avere ascoltato la penultima. Della Roma e del Napoli.

Pinto, poche invenzioni: ora serve una Roma da Mou

Guarda il video

Pinto, poche invenzioni: ora serve una Roma da Mou

Fonte: corrieredellosport.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *