Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Roma, commissariato il Conservatorio di Santa Cecilia: rimossi il direttore e il presidente

Commissariato il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma. Lo ha deciso, tramite apposito decreto, la ministra dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, che ha rimosso il direttore e il presidente del Conservatorio e nominato due commissari.

Leggi anche > Università, la classifica delle migliori al mondo: La Sapienza di Roma la prima d’Italia. Come si sono posizionate le altre

Roma, commissariato il Conservatorio di Santa Cecilia

La notizia è riportata da Panorama. Il decreto di commissariamento – secondo quanto si apprende – è ora all’esame degli organi controllo. In base al provvedimento, il presidente Antonio Marcellino e il direttore Roberto Giuliani vengono rimossi ed è sospesa l’erogazione delle indennità a partire dalla data di insediamento dei commissari, che sono per le due cariche rispettivamente Marco Villani e Paolo Rotili. Alla base del provvedimento – spiega ancora Panorama – ci sarebbero criticità gestionali sia nell’ambito amministrativo-finanziario che in quello didattico, con improprio utilizzo delle risorse economiche e procedimenti disciplinari avviati dal direttore in situazione di potenziale conflitto di interessi. La vicenda aveva portato a due ispezioni ministeriali e a diverse interrogazioni parlamentari.

Santa Cecilia, Cecconi (SIPA): «Ora il risanamento»

«La notizia del Commissariamento del Conservatorio Santa Cecilia testimonia l’inadeguatezza, l’incapacità e l’oscurità dell’amministrazione del Direttore Giuliani e del Presidente Marcellino – scrive in una nota Emanuele Cecconi, Coordinatore di SIPA (Studenti insieme per l’Arte) Sindacato degli studenti del Conservatorio Santa Cecilia -. Non si può che esprimere soddisfazione e augurare buon lavoro ai due nuovi commissari per ridare lustro alla nostra istituzione. Desidero ringraziare i compagni del sindacato SIPA, di cui ho l’onore di essere Coordinatore, per la battaglia combattuta, finalmente e meritatamente vinta. Ora a disposizione dei commissari per aiutare nell’opera di risanamento. Il più bel modo di festeggiare questo 25 aprile».

Santa Cecilia, Anzaldi: «Finalmente, ma chi paga per le carriere dei musicisti?»

«Ci sono voluti 4 anni di ispezioni ministeriali, interrogazioni parlamentari, interpellanze, sentenze del Tar per arrivare a questo commissariamento. Sono passati ben 3 governi, il Conte 1 e il Conte 2 che non hanno fatto niente e ora il Governo Draghi con la ministra Messa che, sollecitata fin dal suo insediamento con un’interpellanza che ho presentato a marzo 2021, è intervenuta» – afferma Michele Anzaldi, deputato di Italia Viva – «Ma questi tempi infiniti della politica che tipo di danno hanno creato alle carriere professionali e accademiche dei musicisti che vengono formati a Santa Cecilia? Per un accademico, 3-4 anni rappresentano certamente un tempo in grado di cambiare i destini del percorso musicale: chi paga?»


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Aprile 2022, 11:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *