Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Rivoluzione Rolls: elettrificazione totale dal 2030

Tradizionalisti a chi? I tempi cambiano e anche la Flying Lady che campeggia sul cofano delle più lussuose automobili del mondo cambierà abitudini; non più il suono del poderoso 12 cilindri ma sotto i suoi piedi solo le vibrazioni di un sistema totalmente elettrico che allineerà il lusso alle emissioni zero.

L’annuncia dato oggi dal CEO Torsten Müller-Ötvös cambia completamente la prospettiva che il marchio appartenente al gruppo BMW ha perseguito per quasi tutta la sua esistenza. Non proprio, a onor del vero perché, anche se fino ad oggi se ne è parlato pochissimo (come fossero scheletri nell’armadio) già uno dei suoi fondatori Charles Rolls aveva lavorato sul tema agli inizi del secolo e anche la Rolls Royce “moderna” una decina d’anni fa aveva costruito e sperimentato una Phantom a batterie che non aveva incontrato i gusti della clientela.

Ma i tempi cambiano e soprattutto le necessità, dei costruttori e degli utenti, oggi sono tali da rendere indispensabile il cambiamento di rotta; non una deviazione ma un vero e proprio salto nel futuro, quando non ci sarà più spazio per i motori temici, per nobili e prestigiosi che siano.

La rivoluzione elettrica di Rolls Royce si chiama Spectre (ma questa volta 007 non c’entra) ed è il frutto di anni di progettazione dedicata a una piattaforma completamente originale, destinata a fornire la base tecnologica per tutti i modelli elettrici del futuro. Una struttura realizzata in materiali leggeri e capace di ospitare in modo razionale le batterie, i motori elettrici (almeno due) e tutti i sistemi di gestione dell’energia al posto della meccanica tradizionale.

Seppure in forma di prototipo la prima Spectre elettrica da oggi inizierà il suo ciclo di sperimentazione su strada di 2 milioni e mezzo di chilometri fino ad arrivare alla produzione e alla cosegna ai primi clienti entro la fine del 2023.

Da quel momento la direzione tecnologica della Rolls Royce sarà esclusivamente rivolta alla propulsione elettrica fino a cessare completamente la produzione e la vendita di modelli con motora a combustione entro il 2030.

repubblica.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *