Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Riviera romagnola, capitale degli sport sulla sabbia

E il Teqball, di moda già dall’anno scorso, è sbarcato in quasi tutti gli stabilimenti balneari della Riviera Romagnola. Gioco perfetto per la spiaggia, consiste in uno scambio di palla intorno a un tavolo curvo dotato di una rete compatta per garantire che la palla rimbalzi sempre, assicurando un gioco continuo e dinamico, ma soprattutto adatto a chiunque.

Touchtennis –

Fra le novità, il Touchtennis, via di mezzo fra tennis e paddle, che si sta velocemente diffondendo nel mondo. Il Bagno Fantini di Cervia si è già attrezzato e lo propone come sport dell’anno. Ideale per tenersi in forma, si pratica su fondo duro, ma in un campo di dimensioni più ridotte rispetto al tennis, con racchetta più piccola e palline brevettate che “viaggiano” meno velocemente, con lo scopo di facilitare un maggior numero di scambi. Al Bagno Coco Beach 106B a Marebello (Rn) c’è il Calcio Biliardo, che si gioca con i piedi, anziché con le stecche, con i palloni numerati al posto delle biglie, ma si disputa su un campo che riproduce un vero tavolo da biliardo, con tanto di panno verde e buche laterali e le regole sono le stesse del biliardo americano.

Tutti gli sport –

Kitesurf, Hidrofoil, Kitefoil Flyboard, Surf, Windsurf, wakeboard, ma anche Sup (Stand Up Paddle) e immersioni. Il mare della Riviera romagnola offre un ampio ventaglio di sport d’acqua per soddisfare le esigenze dei turisti appassionato. Ogni tratto di costa propone corsi di Wind e Kite surf e ovunque si possono trovare le attrezzature per sfiorare l’acqua pagaiando con la tavola Sup. Corsi decisamente originali sono quelli che sul Sup prevedono esercizi di yoga, pilates, streching o ginnastica funzionale, rivolti a chi vuole migliorare e potenziare la propria forma fisica, con particolare attenzione ai muscoli stabilizzatori. L’Hydrofoil è l’evoluzione degli sport d’acqua del momento, una tavola con una grande pinna in carbonio che funge da deriva permette di planare sull’acqua tanto da rendere l’idea che il rider voli, mentre agganciati a un kite si può praticare il Kitefoil. Un grosso centro che organizza corsi e noleggia attrezzatura è a Porto Corsini, l’Adriatico Wind Club, che dispone di 15.000 mq di spiaggia ed una kitebeach dedicata.

In volo e su due ruote –

Molto divertente e adatto per chi ha una certa dose di coraggio, è invece il volo con Flyboard che si può provare al Centro Nautico di Bellariva di Rimini. Grazie a questa particolare tavoletta si può decollare e tuffarsi nell’acqua. Altra proposta dell’estate è il wakeboard, sport da tavola di recente diffusione che nasce dalla fusione tra lo sci nautico e lo snowboard. Da provare al centro nautico a Rivazzurra e al Bagno 8 a Marina Centro Rimini. Per fare un giro su una bicicletta acquatica a Rimini le IdroBike si trovano al Bagno 26 di Marina Centro o di fronte al Bagno 106B a Marebello – Coco Beach. Sempre presso il centro nautico Bellariva, da quest’anno è possibile prenotare suggestive uscite all’alba con il Sup, mentre all’Est Coast Nautic Fun di Lido San Giuliano (RN) si può affittare il sup da 5 persone lungo 8 metri. Una vera e propria sala giochi in acqua, 12 metri di gonfiabili, si trova invece al Blu Beach Center di Rimini.

Immersioni –

Nel mare romagnolo si possono fare anche immersioni subacquee, alla ricerca dei microcosmi sottomarini. Diversi sono i siti che si possono esplorare come tralicci, carghi e navi affondate e adagiate sul fondo del mare. Un’avventura sottomarina si può fare ad esempio alle Piramidi di Miramare, blocchi di cemento al largo di Rimini, “casa” di un’infinità di specie marine. Il relitto più conosciuto tra quelli che giacciono sui fondali della Riviera, invece, è il Paguro, così chiamato dal nome della piattaforma petrolifera che nel 1965 esplose e sprofondò nelle acque al largo di Lido Adriano. Un’immersione in quest’area di 6.000 metri quadrati garantisce ai sub lo spettacolo emozionante dell’incontro con varie specie della fauna marina, anche in notturna. Un altro sito di immersione è poi l’Isola delle Rose, piattaforma artificiale di 400 mq costruita nel 1968 al largo della costa riminese, che si autoproclamò Stato indipendente e fu affondata dallo Stato poco tempo dopo.

Contemplazione e relax –

In Riviera si pratica Yoga guardando il mare – All’insegna del benessere sempre più spiagge offrono corsi di yoga e meditazione, pratiche che trovano nel rapporto con il mare una dimensione speciale. Un ricco programma di eventi legati alla pratica dello yoga vengono organizzati sulle spiagge e sui waterfront della Riviera. E per chi vuole c’è anche lo yoga sul Sup! Una tecnica che richiede equilibrio e concentrazione. Fino al 2 settembre tornano gli incontri dedicati al benessere di Le Spiagge del Benessere che celebrano la 19^ edizione. A Bellaria Igea Marina e Riccione un ricco calendario di incontri con diverse attività sportive organizzate presso gli stabilimenti balneari della Riviera di Rimini.Torna anche nel 2022 la rassegna Albe in controluce. Yoga al sorgere del sole sul lungomare di Riccione, nel bellissimo scenario del giardino di Villa Mussolini. Dal 25 giugno al 3 settembre, tutti i sabati dalle ore 6:30 alle 7:30, si potranno accogliere i primi raggi del sole nell’aria tersa del primo mattino, nel respiro del corpo e della mente, come insegna l’antichissima disciplina.

Per maggiori informazioni: www.emiliaromagnaturismo.it

Fonte: tgcom24.mediaset.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *