Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Renault: “Situazione motori insostenibile”

Un segnale d’allarme che non va sottovalutato, ne va del futuro della Formula 1. L’addio della Honda potrebbe nascondere criticità sul medio-lungo periodo del Circus. Ad esempio, potrebbe scoraggiare altre case a investire in questa disciplina che nel 2022, se nulla cambia, vedrà solo Mercedes, Ferrari e Renault come costruttori di power unit. Il campionato è sostenibile con solo queste tre case o deve ridurre le sue pretese? Cyril Abiteboul è nettamente di quest’ultima opinione.

Honda lascia la F1

Il team principal della Casa di Enstone ha lanciato un grido di allarme forte e chiaro: “Non siamo soddisfatti di questa decisione della Honda, perché non è uno sviluppo positivo per la Formula 1. Vogliamo un Circus con i costruttori, con i fornitori di motori e non è un bene che ne siano rimasti solo tre. Dobbiamo reagire, la situazione dei motori è diventata semplicemente insostenibile“, ha detto il francese, secondo quanto riportato da Motorsport. “Parlo non solo dal punto di vista tecnologico, ma anche da quello economico“.

La Formula 1 costa molto e anche se spendi non è detto che i risultati arrivino. Guardate a noi, ne siamo la dimostrazione, anche se ovviamente ora le cose vanno un po’ meglio. Mi aspetto che questa situazione generi qualche riflessione in più sulla programmazione per le power unit di nuova generazione. Qualcosa è stato fatto, ma non basta. Dobbiamo insistere su questo se non vogliamo che la F1 si faccia male“. Abiteboul non pensa che la strada intrapresa sui motori sia quella sbagliata da un punto di vista tecnologico, ma crede non sia stata capita da pubblico e investitori: “Non siamo riusciti a mandare i messaggi giusti con queste power unit strabilianti. Non c’è niente che si avvicini a questo livello di efficienza. Però sono le basi del marketing: non basta fare una cosa, bisogna anche farla sapere al mondo“.

Fonte: formulapassion.it

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *