Viva Italia

Informazione libera e indipendente

“Renato Vallanzasca sta male”, chiesta una perizia sulle sue condizioni di salute

La condanna definitiva

 La richiesta di aggravamento dell’isolamento per Vallanzasca, detenuto a Bollate con “fine pena mai”, è stata avanzata dal pm dell’ufficio esecuzioni Adriana Blasco in un atto nel quale viene ricalcolato il cumulo pene per l’ex “bandito della Comasina”, anche sulla base della condanna, definitiva dal 2016, per la tentata rapina (di due mutande, un paio di cesoie e del concime) compiuta in un supermercato nel 2014, quando aveva ottenuto la semilibertà, poi revocata.

“Vallanzasca non sarebbe in condizioni per prender parte a un procedimento”

 Nell’udienza odierna davanti al giudice Ilaria Simi De Burgis, i legali di Vallanzasca hanno chiesto la perizia per valutare la sua capacità processuale, perché, secondo la difesa, il 72enne non sarebbe più nelle condizioni di prendere parte a un procedimento.

“Uomo provato nel fisico e nella mente”

 Già in un provvedimento dei giudici della Sorveglianza, con cui nei mesi scorsi era stata rigettata un’altra richiesta di liberazione condizionale e di semilibertà, era scritto che Vallanzasca “in particolare dal 2021 è un uomo provato”, sia nel fisico che nella mente, “segnato ovviamente da circa 50 anni di carcere”. E che “a volte” appare “un po’ spaesato”. E i legali avevano depositato la documentazione medica con valutazioni neurologiche. Il giudice dovrà ora decidere sulla richiesta di perizia e la prossima udienza è fissata per marzo. Intanto, sempre la difesa ha chiesto al pm di applicare l’indulto sulle pene (sconto di 3 anni).

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *