Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Recovery, Draghi: “La difficoltà è nel coordinamento governo-enti locali” | “Sulla riforma del Fisco serve ampia condivisione politica”

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza “permette investimenti che sarebbero stati impossibili e impensabili fino a pochi giorni fa. Tutto il piano è un investimento sul futuro e sulle nuove generazioni”, afferma il premier.

“Per la riforma del fisco serve ampia condivisione politica” Draghi si concentra poi sul Fisco: “Per riformare il sistema fiscale – spiega – è auspicabile un’ampia condivisione politica. E’ ancora presto per dare risposta su quale sarà la riforma. Il governo si è impegnato a presentare una legge delega entro il 31 luglio 2021. Il Parlamento sarà pienamente coinvolto e svolgerà un ruolo di primo piano”.

“Essenziale rilanciare crescita per ridurre il debito” “Quanto al debito – precisa il premier – riteniamo che sia essenziale in questo momento concentrarci sulla crescita economica. Il governo vuole rilanciare gli investimenti e la produttività, per permetterci di raggiungere tassi di crescita molto piu’ alti che nel recente passato. Se siamo in grado di rilanciare il potenziale di crescita della nostra economia, riusciremo anche a ridurre rapidamente il rapporto tra debito pubblico e Pil”.

“Al Sud il 40% delle risorse, far ripartire crescita ferma”  Per il Mezzogiorno “il piano esplicita che le risorse corrispondono al 40% a fronte del 34 per cento della popolazione, 82 mld sono una cifra più alta del Pil. Sono misure che si inseriscono in visione complessiva per far ripartire e accelerare una crescita del sud ferma da ormai mezzo secolo”.

“Transizione green non è un ostacolo, innova” “Alcuni temono che la transizione ambientale possa far danno al nostro sistema industriale esistente. Se fatta bene la transizione ambientale non è un ostacolo al progresso, genera innovazione”, spiega ancora Draghi alla Camera, replicando al dibattito sulle comunicazioni rese in vista della trasmissione alla Commissione europea del Piano di ripresa e resilienza – Recovery plan. “Il governo è convinto che la transizione ecologica debba riguardare tutti i settori produttivi. Infatti essa è una priorità trasversale del nostro Piano. Il Pnrr alloca circa il 40% delle risorse ad obiettivi climatici. Oltre agli interventi previsti nella Missione 2, ci sono quelli sui trasporti, e sull’efficienza energetica. Siamo quindi ben oltre l’obiettivo europeo del 37%”. 

“Entro 2026 banda larga ovunque, da maggio mappatura” “Per quanto riguarda la banda larga” nel Pnrr ci sono “6,31 miliardi per le reti ultraveloci, la banda larga e il 5G. L’obiettivo del governo è portare entro il 2026 reti a banda ultralarga ovunque senza distinzioni territoriali ed economiche. A maggio avviamo la mappatura dei piani d’investimento previsti dai privati per identificare le aree del Paese che senza interventi del governo resterebbero sfavorite. Per queste aree è previsto un contributo statale per assicurarci che non si creino nuovi divari digitali da qui al 2026”. 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *