Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Recensione del libro: The N64 Encyclopedia: Every Game …

Chris Scullion è, secondo la descrizione dell’autore, un giocatore da oltre 30 anni. Nei suoi 15 anni di lavoro professionale nel settore, il giornalista scozzese di videogiochi ha anche scritto per diversi stabilimenti. Il suo curriculum contiene nomi come Official Nintendo Magazine del Regno Unito (oltre alle riviste ufficiali PlayStation e Xbox, quindi nessun fanboyismo lì), Retro Gamer, Polygon, The Guardian e Video Games Chronicle (VGC). Con una carriera così lunga e produttiva, non è difficile credere che Scullion possieda una vasta conoscenza di videogiochi e console. Fortunatamente, ha scelto di condividere questa conoscenza con noi scrivendo e pubblicando libri.

Scullion ha già scritto tre guide non ufficiali per Nintendo Entertainment System (NES), Super Nintendo Entertainment System (SNES) e Sega Mega Drive, con ogni libro che copre ogni singolo gioco lanciato su queste console per il mercato occidentale. Il quarto libro di Scullion è stato pubblicato nell’agosto 2022 (o dicembre 2022 se vivi negli Stati Uniti), e questa volta ha fatto un ulteriore passo avanti includendo anche tutti i giochi lanciati esclusivamente per il mercato giapponese. Può sembrare esteso, ma considerando che la console in questione è il Nintendo 64, il compito non è così scoraggiante come ci si potrebbe aspettare.

Recensione del libro: The N64 Encyclopedia: Every Game Released for the Nintendo 64
The N64 Encyclopedia è il quarto libro della serie di Chris Scullion in cui mappa tutti i giochi lanciati per una console.

Sebbene la libreria totale di giochi per Nintendo 64 fosse significativamente più piccola sia dei suoi due predecessori che del suo più grande concorrente, la Sony PlayStation, il libro di Scullion copre ancora un totale di oltre 400 giochi nelle sue 256 pagine. Ciò significa che non importa quanto limitata possa essere la tua esperienza con il Nintendo 64, troverai comunque alcune parole dedicate al tuo ricordo più caro dalla console, sia che il tuo gioco preferito sia uno dei classici come Goldeneye 007, Super Mario 64, The Legend of Zelda: Ocarina of Time o titoli meno noti come Bass Hunter 64, Power Rangers Lightspeed Rescue, o uno dei giochi di wrestling gazillion (quanti di quelli ti servono davvero?)

Annuncio pubblicitario:

Dopo una breve introduzione sulla console stessa, che avrebbe potuto essere più lunga anche se il focus del libro sono i giochi e non l’N64 o il suo posto nella storia dei giochi, Scullion va avanti e inizia in ordine alfabetico (il che ovviamente significa che 1080° Snowboarding è il primo gioco fuori). Ogni gioco è elencato con il suo titolo completo, l’anno di lancio, lo sviluppatore, l’editore e tre simboli che mostrano in quali regioni è stato pubblicato il gioco. I giochi più grandi (o, nel caso di Superman 64, quelli più famosi) hanno un’intera pagina per se stessi, mentre i titoli più piccoli e molti titoli sportivi ottengono mezza pagina o anche solo un quarto di pagina. Le informazioni esatte condivise sul gioco possono variare, ma per lo più riguardano il posto del gioco nella sua serie (se fa parte di uno), la presentazione, la ricezione, le prestazioni, le sfide affrontate durante lo sviluppo o alcuni pensieri sul valore di intrattenimento del gioco. Il libro non cerca di recensire ogni gioco, ma puoi comunque estrarre informazioni sul fatto che sia buono, cattivo o solo per gli appassionati veramente interessati in base a ciò che è scritto.

Recensione del libro: The N64 Encyclopedia: Every Game Released for the Nintendo 64Recensione del libro: The N64 Encyclopedia: Every Game Released for the Nintendo 64
Tutti i giochi sono catalogati con immagini, testo e fatti divertenti. Alcuni giochi hanno una pagina intera, altri solo un quarto.

Sia che tu abbia qualche conoscenza precedente o relazione con i giochi, è facile immergersi nel materiale e girare pagina dopo pagina per passare attraverso la libreria della console. Questo grazie alla natura leggera e piacevole del libro, dove Scullion non ha paura di lanciare un brutto gioco di parole o due (prima di scusarsi per il suo stupido umorismo) per rendere le cose più piccanti. Le battute non sono mai distraenti né crudeli, il che è qualcosa da apprezzare. La cosa interessante è che l’articolo di ogni gioco viene fornito con il suo fatto divertente o curiosità, e questi sono scritti nelle loro bolle dedicate che li rendono più facili da trovare quando si cerca di nuovo il gioco in seguito. Tutto concorre a rendere il libro più facile da leggere e più piacevole rispetto a titoli simili all’interno dello stesso genere, dove la qualità varia dal fantastico al dilettantistico, soprattutto tra le guide non ufficiali. Ho comunque notato un paio di piccoli errori nel libro che avrebbero potuto essere facilmente corretti con più correzione di bozze prima della pubblicazione (ne ho contati solo tre in tutto il libro, che è probabilmente meno di quello che puoi trovare in questa recensione dato che è scritto da un non madrelingua inglese). Nessuno di questi errori è abbastanza grave da farti perdere il flusso durante la lettura, quindi dovrebbero essere considerati solo dettagli minori e non argomenti convincenti contro la lettura o l’acquisto del libro.

Tutti i giochi

Annuncio pubblicitario:

Recensione del libro: The N64 Encyclopedia: Every Game Released for the Nintendo 64
che sono stati rilasciati solo in Giappone sono inclusi nel libro, compresi i giochi 64DD.

Tutti i giochi sono abbinati a screenshot presi da Scullion stesso. Alcuni degli screenshot possono essere diffusi e poco chiari, ma questa è tanto una testimonianza della qualità grafica dei giochi all’epoca quanto del talento estetico dell’autore. Parlando di immagini, il più grande svantaggio del libro è che non include la grafica della scatola per ogni gioco. Ci possono essere molte ragioni per cui questo viene omesso: lo spazio è il più ovvio, potrebbe essere difficile trovare copie perfette di ogni scatola di gioco per Nintendo 64, se è ancora possibile, e le copertine erano spesso diverse tra le regioni. Tuttavia, molti di noi hanno molti ricordi legati alla semplice box art di questi vecchi giochi, quindi un collage di tutte le box art sul retro sarebbe stata una bella aggiunta.

Quello che ottieni, tuttavia, è una sezione nelle ultime pagine del libro in cui sono coperti tutti i giochi esclusivi per il Giappone, il che è un bel bonus considerando che Scullion non è stato in grado di coprire questi giochi nei suoi libri precedenti a causa delle librerie occidentali abbastanza grandi come sono. La sezione inizia con i dieci giochi rilasciati per il 64DD, l’add-on del disco magnetico rilasciato esclusivamente per i giapponesi marcati nel 1999 prima di essere interrotto nel 2001. Questa sezione è molto succosa per i lettori che desiderano espandere i loro orizzonti il più possibile, e puoi facilmente capire quando leggi perché la maggior parte di questi giochi non ha ricevuto una versione internazionale a causa della loro natura di nicchia (è difficile capire perché avremmo bisogno di un gazillion mahjong giochi qui, anche se abbiamo ottenuto quel tipo di numero di giochi di wrestling). Tuttavia, alcune di queste uscite avrebbero potuto avere un potenziale al di fuori del Giappone, ed è un peccato che non abbiano mai avuto una possibilità. Il run-and-gunner Sin and Punishment o Tetris 64 sono solo due esempi che avrebbero potuto avere successo sia negli Stati Uniti che in Europa, ma la sorpresa più grande è che Nintendo ha perso l’opportunità di pubblicare un gioco Pokémon al di fuori del Giappone. Il libro può dirti che il Giappone ha ricevuto non due giochi Pokémon Stadium, ma tre, poiché il primo gioco della serie chiamato Pocket Monsters’ Stadium era un’esclusiva giapponese. Il gioco era un po ‘poco brillante in quanto conteneva solo 42 mostri, ma dato che è stato rilasciato nel 1998 quando la mania dei Pokémon era appena iniziata in Occidente, non si può fare a meno di pensare in retrospettiva che il gioco avrebbe venduto bene. Poi di nuovo, Pokémon Puzzle League è stato rilasciato solo nei territori occidentali, quindi immagino che nessuna regione sia riuscita a catturarli tutti …

Recensione del libro: The N64 Encyclopedia: Every Game Released for the Nintendo 64
Non otteniamo molto della storia della console, informazioni tecniche o materiali promozionali relativi al Nintendo 64 nel libro, anche se qui vediamo un esempio di quest’ultimo.

Coloro che sono fan dei libri di riferimento sui videogiochi, sulla storia dei videogiochi e / o su Nintendo 64 otterranno il loro valore con The N64 Encyclopaedia. Lo stile di scrittura di Scullion è gioioso e facile da leggere, la struttura rende facile trovare giochi specifici che potresti cercare, il valore della produzione è solido grazie a ottimi materiali e caratteri di facile lettura, e le illustrazioni sono per lo più buone, anche se alcuni degli screenshot avrebbero potuto essere migliori. Speriamo che Scullion non sia ancora stanco di scrivere, e mentre aspettiamo il suo prossimo libro c’è il suo catalogo posteriore che ora voglio controllare.

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *