Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Quanto guadagna Paola Egonu, pallavolista e portabandiera olimpica a Tokyo

Classe ‘98, a soli 23 anni Paola Egonu è già una star dello sport internazionale. Nata a Cittadella, in provincia da Padova, da genitori di nazionalità nigeriana, ricopre il ruolo di opposto nell’Imoco Volley, squadra di pallavolo del campionato di serie A1 di Conegliano. Dopo aver militato tra le Azzurre under 18, under 19 e under 20, è stata poi convocata nella Nazionale maggiore, portando a casa l’argento ai Mondiali del 2018.

Perché si parla di Paola Egonu e cosa farà a Tokyo

Paola Egonu è stata scelta come portabandiera della bandiera olimpica per la cerimonia di apertura dei Giochi di Tokyo 2020, la XXXII Olimpiade. La sua nomina è stata accolta favorevolmente come simbolo dell’Italia multietnica e dei tempi che cambiano. La pallavolista ha infatti dichiarato alcuni anni fa a mezzo stampa di avere una compagna, dichiarandosi più volte a favore dei diritti LGBTQI.

Quanto guadagna la pallavolista azzurra Paola Egonu

Se la vita personale dell’atleta è stata oggetto di tanti articoli, nonostante la sua riservatezza, è invece difficile trovare informazioni che riguardano i compensi di Paola Egonu. Secondo una stima della Gazzetta dello Sport dello scorso ottobre, la pallavolista guadagnerebbe 400 mila euro a stagione.

Paola Egonu sarebbe dunque la più pagata tra le donne della serie A1, con una cifra molto più alta rispetto al secondo posto della sua compagna di squadra Kimberly Hill, con soli 240 mila euro. La regina del volley, tuttavia, sarebbe molto indietro alla controparte maschile e ai più pagati delle Olimpiadi.

Il più pagato della Superlega sarebbe Wilfredo León, con ben 900 mila euro a stagione, più del doppio dell’Azzurra che sosterrà la bandiera delle Olimpiadi alla cerimonia di apertura di Tokyo 2020. Nonostante il gap di genere in Italia, alla campionessa sarebbero stati offerti contratti milionari all’estero, sempre rifiutati.

La stima dello stipendio di Paola Egonu riguarda solo quanto l’atleta percepisce dall’Imoco Volley. Non sono infatti considerati i contratti con gli sponsor, i premi vinti e le eventuali medaglie che le Azzurre potrebbero portare a casa dopo le Olimpiadi di Tokyo. Il Coni ha fatto sapere che in caso di vittoria italiana gli ori faranno guadagnare agli atleti 180 mila euro, gli argenti 90 mila e i bronzi 60 mila.

Fonte: quifinanza.it

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *