Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Primo maggio, prove di esodo: tra agriturismi, musei e ristoranti l’Italia è pronta per un weekend da tutto esaurito

Segnali di “nuovo corso” – Quello del Primo Maggio potrebbe essere il weekend che segna l’inizio di un nuovo corso, accompagnato anche dal record di 508mila vaccini somministrati in 24 ore. Un numero che, assicurano gli esperti, inciderà con il passare del tempo sulla curva dei contagi. 

Test in vista dell’estate – Il fine settimana che ci aspetta sarà anche un test importante in vista delle ferie estive. Per 47 milioni di italiani, quelli in zona gialla, sarà possibile andare a pranzo e a cena al ristorante, visitare musei, andare a teatro e al cinema: tutte attività che stanno ritrovando in questi giorni il loro pubblico. 

Spostamenti più facili – Sarà inoltre consentito lo spostamento tra Regioni anche di colore diverso a chi dispone del green pass, il documento che certifica l’avvenuta vaccinazione o, eventualmente, della negatività al tampone nelle 48 ore precedenti il viaggio. E infatti si segnalano ancora file per sottoporsi al test e ottenere il via libera per il fine settimana. 

Assalto agli agriturismi – Gli italiani hanno tanta voglia di tornare a viaggiare e infatti agli agriturismi con servizi di ristorazione, nelle aree gialle, è arrivato un boom di prenotazioni. Lo rivela la Coldiretti che ha stimato, per gli operatori del settore, una perdita di circa 1,2 miliardi di euro. Atteso il soldout anche nelle isole, con Portofino che si prepara alla ripartenza con l’apertura-simbolo, in programma il primo maggio, dello Splendido Mare, dependence di lusso in Piazzetta. Presi d’assalto i litorali di tutta Italia, anche se l’apertura ufficiale della stagione balneare arriverà solo tra un paio di settimane.

Festa dei lavoratori – Dopo un anno di stop inoltre riprenderanno, seppur con strette limitazioni, anche le manifestazioni legate alla festa dei lavoratori. Prima di tutte quella di Roma, con il tradizionale Concertone che tornerà sul palco, seppur ancora senza pubblico in presenza. 

Aperti siti archeologici e musei – Torneranno ad essere aperti anche i siti archeologici e i musei di quasi tutta Italia. Cancelli aperti anche al Parco di Pompei, che da lunedì renderà visitabile anche tutti gli altri siti della Soprintendenza.

A Roma tornano accessibili le Terme di Caracalla, la Villa di Livia e l’Arco di Malborghetto. Il Comune di Milano ha invece deciso per sabato l’apertura straordinaria, delle mostre a Palazzo Reale, al Pac e al Mudec, il Museo delle culture. I musei civici, chiusi sabato, apriranno invece domenica 2 maggio.

Appelli alla responsabilità – Ma non sarà un liberi tutti, come ricordano molti amministratori locali che continuano a lanciare appelli alla responsabilità. Proprio da sabato saranno intensificati i controlli delle forze dell’ordine non solo su strade e autostrade, ma anche nei potenziali luoghi di assembramento come litorali, spiagge o piazze della movida. Solo nelle ultime 24 ore sono state controllate quasi 90mila persone, con 976 sanzioni e 20 denunce. Chiuse anche 12 attività che non rispettavano le restrizioni. 

Le Regioni che dovranno ancora aspettare per l’allentamento delle restrizioni sono invece quelle in zona rossa, la Sardegna, e quelle arancioni, cioè Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. 

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *