Viva Italia

Informazione libera e indipendente

Prima la fuga di gas, poi la fiammata: ferito un operaio

Prima la fuga di gas poi la fiammata. Paura a Capena dove un operaio di 57 anni è rimasto ferito dopo che ha tranciato una tubazione del gas con un escavatore. L’allarme alle 12:30 di stamattina in via Morlupo 50, a Capena, comune della provincia nord della Capitale. Sul posto “per una fuga di gas in strada”, il personale del 118, i carabinieri della locale stazione ed i vigili del fuoco di Montelibretti, intervenuti con due autobotti ed il Crrc (Carro rilevamento radioattivo e chimico)

Secondo quanto si apprende, durante alcuni interventi programmati di scavo per la manutenzione della rete idrica per conto di Acea, è stata accidentalmente urtata da un escavatore una tubazione di gas di media pressione. Da qui la fuga di gas a cui ha fatto seguito la fiammata con l’operaio investito dalla folata di calore sprigionata dal fuoco. 

Rimasto ferito il 57enne è stato affidato alle cure del personale del 118 e trasportato all’ospedale Sant’Eugenio di Roma, le sue condizioni non sarebbero gravi. 

Interdetta l’area al passaggio pedonale e veicolare e messa in sicurezza l’area sul posto è intervenuto il personale di Italgas. Indagini in corso da parte dei carabinieri della stazione di Capena.  L’intervento è terminato alle alle 15:10 circa con l’area messa in sicurezza. 

La nota di Italgas

Un portavoce Italgas informa che l’impresa che questa mattina ha danneggiato una condotta del gas a Capena (Roma), provocando una dispersione, era impegnata in lavori per conto di Acea. Sul posto sono accorsi i tecnici del Pronto Intervento Italgas che stanno lavorando per mettere in sicurezza la condotta e provvedere alla riparazione del danno subìto, cercando di garantire la continuità del servizio alle utenze interessate. Si prevede di concludere l’intervento entro la serata di oggi

Fonte: news.google.com

Doroteo Cremonesi

Affascinato dal progresso, dalla tecnologia e dall'energia, amante delle automobili

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *